Olimpia, missione riscatto a Cosenza. L’ex Giannattasio: “Sono organizzati, puntano sull’intensità”

L'Olimpia Verona è affamata di punti e non può essere altrimenti. La formazione scaligera cresce partita dopo partita, ma paga ancora e non poco i propri errori, spesso dettati da una mancanza di esperienza normale per una squadra neopromossa; lo si è visto nuovamente venerdì scorso quando i gialloblù, davanti al proprio pubblico, sono stati piegati da un'ottima L84: la personalità c'era, ma la precisione e l'intensità in alcune situazioni di gioco no. Ma ecco che il calendario offre  immediatamente agli uomini di Luca Castagna una nuova opportunità di riscatto: domani sera infatti l'Olimpia sarà di scena a Cosenza per l'anticipo del turno infrasettimanale, con la quinta giornata che a Lukaian e compagni oppone i padroni di casa della Pirossigeno.

Un avversario, quello guidato da mister Leo Tuoto, che un giocatore gialloblù conosce piuttosto bene, vale a dire Dario Giannattasio. Proprio con il laterale classe 1998, che in rossoblù aveva vissuto la prima metà della scorsa stagione, abbiamo quindi fatto il punto della situazione, analizzando quanto accaduto venerdì scorso, cercando però di anticipare i possibili temi della super-sfida di domani tra neopromosse.

- Dario, prima di tutto ti chiedo che cosa secondo te non ha funzionato con la L84: pagate ancora caro gli errori, concordi? 

"Sì, purtroppo nel primo tempo abbiamo sbagliato molto nelle due fasi e loro sono stati bravi a sfruttare le occasioni, mentre noi abbiamo avuto opportunità nitide che non abbiamo trasformato in gol". 

- In quanto a gioco e intensità però sembra che stiate continuando a migliorare, è così? 

"Siamo cresciuti molto da inizio campionato e dobbiamo puntare sull'intensità per mettere in difficoltà gli avversari: continueremo a lavorare su questo".

- Domani giocate con la Pirossigeno Cosenza, la tua prima sfida da ex contro i calabresi. Hanno cambiato parte del roster, ma conoscendo mister Tuoto e alcuni dei tuoi vecchi compagni di spogliatoi, che avversario ti aspetti di affrontare? 

"Sì, conosco il Cosenza e ho tanti bei ricordi della società, dello staff e dei compagni. Sicuramente saranno organizzati e compatti difensivamente, anche loro puntano sull'intensità e non mollano un centimetro". 

- Tu personalmente come hai vissuto l'impatto con la Serie A in maglia Olimpia, rispetto per esempio ai tempi del Ciampino...

"Rispetto a Ciampino sono maturato molto e alterno anche minuti da centrale difensivo oltre che da laterale. A Verona sto sfruttando le occasioni che mi concede il mister e spero che le prestazioni adesso portino punti".


l.m.








Foto: Sporting Sala Consilina