Oliva arrabbiato con il Sala: "Partite come quella col Ciampino vanno chiuse: ci vuole cattiveria!"

Di sicuro Fabio Oliva non era l’espressione della soddisfazione al termine della partita che lo Sporting Sala Consilina ha vinto venerdì sera a San Rufo con il Ciampino. Indice levato su una ripresa del tutto insufficiente, in cui i salesi hanno rischiato addirittura di vanificare il triplo vantaggio acquisito alla fine della prima frazione, non riuscendo a chiudere il match ed esponendosi nel finale all’iniziativa dei baldi ragazzetti capitolini: e se non fosse stato per un paio di interventi decisivi di Yuri Pozzo la frittata sarebbe stata fatta.


“Un primo tempo giocato con intelligenza - è l’analisi di mister Oliva al microfono del sempre presente Pierluigi Paciello - il secondo, non dico malissimo… ma le partite vanno chiuse e quando c’è la possibilità di metterla dentro bisogna essere più cinici. Stanchezza? E’ più una questione di cattiveria, non si può andare morbidi oppure fare sempre l’ultima scelta sbagliata: sono situazioni sulle quali dobbiamo lavorare, altrimenti si rischiano di pagare. Per cui dico che ci prendiamo i tre punti che era quello che più ci interessava. Ma non voglio vedere animi rilassati, non possiamo permetterci di soffrire. Dobbiamo essere cinici e cattivi e competere, sempre, in ogni momento della gara e questo dirò ai ragazzi durante la settimana. Bisogna continuare a lavorare tutti insieme per terminare bene il campionato e chiudere nella miglior posizione possibile”.


GUARDA QUI LA VIDEO INTERVISTA INTEGRALE A FABIO OLIVA