Opificio 4.0 CMB Matera, Nitti non le manda a dire: "Una prestazione del genere non è ammissibile''

Scivolone interno per l'Opificio 4.0 CMB Matera che al PalaErcole di Policoro si fa sorprendere dal Cormar Polistena. I lucani cadono per la seconda volta nelle ultime tre giornate, un solo punto racimolato negli ultimi centoventi minuti, e si fanno raggiungere in classifica in seconda posizione dal Ciampino Aniene. Di Andrès Santos l'unica firma biancoazzurra. 

CLICCA QUI per gli highlights

"E' mancata la cattiveria - esordisce coach Nitti - una prestazione del genere non è ammissibile. Sono mancate le occasioni? Non conta quante volte tiri in porta, tirare più di quanto fatto forse non era possibile ma sono mancate la cattiveria agonistica, buttare il pallone in rete e fare fallo quando c'era da farlo. Non abbiamo fatto nulla di tutto ciò quindi meritavamo la sconfitta, non ci sono scuse. C'è tanto rammarico, ora bisogna fare un grande bagno d'umiltà e guardare al futuro ripensando ai tanti errori di questa gara".  

La chiave di lettura del tecnico dei lucani punta sulla scarsa vena realizzativa dei suoi.
"Abbiamo continuato ad attaccare come siamo soliti fare ma non siamo stati lucidi e non siamo riusciti a segnare. Sappiamo di avere dei limiti nella costruzione del gioco e nei giocatori che abbiamo però il problema non è nelle occasioni create ma nel non averle finalizzate. Ora più che resettare bisogna ricordarsi degli errori fatti perché bisogna cambiare atteggiamento e migliorare, solo così si può tornare a vincere".