breaking news

09/06/2021 11:32

Orange, la corsa scudetto si ferma per mano della L84: rimane comunque una stagione da incorniciare

Alle prime luci della sera dell' otto giugno termina la stagione dell'Orange Futsal sconfitta dall'L84 nello spareggio piemontese per accedere alle semifinali nazionali con in palio il titolo dello scudetto under 19. E' stata una stagione intensa, vissuta all'ombra del Covid, delle quarantene, dei tamponi, dei mancati allenamenti, senza il supporto del pubblico sugli spalti. Beh dopo una stagione del genere raggranellare un sesto posto in un girone tostissimo di serie B, una finale nazionale di Coppa Italia e un quarto di finale nello scudetto under 19, è tantissima roba. Non è un excusatio petita, ma un sincero ringraziamento e una calorosa pacca sulle spalle di un gruppo a partire dai ragazzi per arrivare allo staff tecnico e permettetecelo anche alla società e agli sponsor che ci hanno sostenuto per l'immane sforzo messo in campo in questa stagione.

Certo sarebbe stato bello finire con una vittoria stasera per sognare ancora in grande una Final Four, ma dopo sette gare in 17 giorni la benzina è mancata. Onore all'L84 per la vittoria e un in bocca al lupo per la fase finale. Gli Orange erano partiti bene con un paio di percussioni di Dal Bianco e Rivella, ma poi un banale errore in ripartenza ha permesso a Siqueira di indovinare il sette, da li, sfruttando l'arma migliore dei torinesi, Podda e compagni hanno messo in difficoltà più di una volta Morando e soci. Ma il guizzo del campione in casa Orange non manca e così d'astuzia Del Bianco ha impattato. Altro errore in ripartenza e questa volta Schettino tutto solo ha infilato l'incolpevole Morando. Al tramonto del primo tempo le azioni che indirizzano la gara, prima Rivella con una deviazione su punizione impatta, ma poi a 30 secondi dalla sirena ripartenza fulminea dell'L84 e sfortunata deviazione nella propria porta di un difensore Orange.

Nel secondo tempo squadre stanche ma più determinati i padroni di casa che avanzano con Podda e sigillano il match sul 4 a 2, che sarà poi il risultato finale. Ci provano i ragazzi ma ormai i sogni si infrangono sul muro neroverde e quando Garlisi a tu per tu con Garofalo non riesce a trovare il pertugio si spengono le ultime velleità. Per quest'anno a posto così, ne riparleremo ad agosto, con sempre maggiore grinta ed energia e soprattutto, si spera, col nostro pubblico .



Ufficio Stampa Orange