breaking news
  • 11/05/2021 21:37 #Under19: Fortitudo Pomezia alla terza fase play-off. Superato 5-4 il Real Ciampino

29/04/2021 19:25

Un comunicato che fa discutere: quale destino potrebbe attendere le squadre interessate dai contagi?

Il comunicato ufficiale n.1242 della Divisione Calcio a 5 che vieta rinvii per le gare di playoff e playout (LEGGI QUI)  inizia a scatenare le prime, inevitabili, reazioni. 

Nello specifico infatti, nel comunicato viene sottolineato come non sarà possibile richiedere rinvii di gare non solo a causa di comprovati contagi, ma anche nel caso di specifiche disposizioni delle Asl competenti. Un caso piuttosto frequente nell'ultima parte della stagione, perché sebbene il protocollo attualmente in vigore disciplini chiaramente il numero massimo di positività che consentono la regolare disputa di una gara, a bloccare le squadre sono state le disposizioni delle Asl, che hanno fatto scattare obbligo di quarantena per l'intero gruppo squadra. 

Un aspetto non disciplinato, o almeno solamente in parte, dal comunicato 1242 che non consente per questi motivi il rinvio delle gare e che quindi, a rigor di logica, prevederebbe l'esclusione della squadra eventualmente interessata. Non potendo infatti richiedere il rinvio, le partite verranno comunque confermate come da calendario, tanto da rendere impossibile la presenza delle formazioni interessate dalle positività. Un aspetto destinato a far discutere e che in alcuni casi rischierebbe di compromettere gli sforzi di una stagione intera. 

Esiste poi una seconda, remota, casistica. Qualora il numero dei positivi fosse maggiore di tre l'attuale protocollo in vigore prevede la possibilità di richiedere il rinvio, e qualora la Asl stessa non dovesse diramare nessun provvedimento restrittivo (ipotesi difficilmente percorribile), il comunicato  andrebbe in conflitto con il protocollo stesso. Insomma, una questione piuttosto spinosa, con la Divisione chiamata inevitabilmente a chiarire con certezza quale sarà il destino della squadra interessata da questa casistica, vista la necessità, come riportato nel comunicato stesso, di chiudere ogni attività entro la data del 30 giugno.