Potenza U19, play-off mancati di un solo punto. Benevento: ''Meritavamo di chiudere con il botto''

L'ultima netta vittoria per 10-1 contro il Capurso, nell'ultima giornata di campionato, non è bastata per centrare la qualificazione ai play-off. Nonostante i 33 punti conquistati, termina con un pizzico di rammarico la stagione, comunque molto positiva e tratti entusiasmante, del Potenza U19.

Queste le parole del tecnico Giuseppe Benevento.

"Impresa play-off mancata solo per un punto. È stata purtroppo una stagione particolare e nel momento più importante il Covid e gli infortuni ci hanno fatto lasciare qualche punticino per strada ma non ho alcun rammarico e non cerco alibi,doveva andare così ed è stata per noi una stagione strepitosa dove abbiamo fatto la media di 1,5 punti a partita. Ad essere sincero non credevo neanche io che questo gruppo potesse spingersi così in alto, abbiamo letteralmente divorato le tappe di crescita svolgendo un lavoro straordinario, curando i minimi dettagli proprio come piace a me", spiega mister Benevento.

Con Capurso come detto sucesso netto, ma non è bastato.

"Si vittoria netta, robusta, meritavamo di chiudere con il botto, con un bel 10-1 ed una prestazione vicina alla perfezione.
Non amo parlare dei singoli ma questa cosa la voglio raccontare perché deve diventare d'esempio per tutti i giovani che fanno sport: domenica al gol di Luciano Riviello mi sono emozionato perché è un ragazzo che ha trovato poco spazio durante la stagione ma non ha saltato un allenamento, ha avuto un atteggiamento esemplare per tutto l'anno e ha avuto un premio più che meritato, frutto del lavoro e di conseguenza del miglioramento costante. Il suo gol l'ho sentito anche un po' mio ed ho festeggiato infinitamente".

Cosa hanno insegnato questo gruppo e questo campionato.

"Questo gruppo mi ha insegnato troppo, mi ha fatto capire che se si ha a che fare con persone intelligenti si può andare oltre i limiti. Sono stato duro con loro durante tutta la stagione ma l'ho fatto per il loro bene, per ottenere il massimo possibile e lì ho scoperto di allenare ragazzi speciali che porterò nel mio cuore per sempre. Questa stagione non la dimenticherò mai, questo gruppo rimarrà dentro di me per sempre e mi mancherà, ne sono certo - conclude Benevento - permettetemi di dire grazie di cuore ai miei ragazzi, al mio staff speciale, Antonio D'Angola e Antonio Lottino, a Gerardo Laurita, ad Antonio Cristiano e a tutta la società. Senza ogni pezzo di questo puzzle sarebbe stato impossibile vivere questo sogno".


emme elle