Primato, Coppa Italia e un sogno nel cassetto. Chiozzotto: ''Mestre, la programmazione è tutto!''

Marzo Chiozzotto, presidente del Città di Mestre, ha incassato in maniera elegante la sconfitta di Modena, dove nel recupero è arrivata una battuta d’arresto che comunque non ha intaccato la classifica lagunare. Un cammino, quello fatto fin qui dalla squadra mestrina, che è ampiamente soddisfacente. 


“Siamo sicuramente soddisfatti del cammino fin qui intrapreso ma ci tengo a rimarcare come la partita l’abbiamo persa non tanto per nostro demerito quanto per merito degli avversari che ci hanno messi sotto dall’inizio. Sono stati bravi, hanno sfruttato le nostre difficoltà, c’è solo da fare i complimenti al Modena Cavezzo. Niente da dire”.


- La società ha fatto un bello sforzo, ha messo il mister Mastrogiacomo nelle condizioni di lavorare bene, quando si è potuto intervenire lo si è fatto, come è accaduto col mercato di dicembre…


“Siamo consapevoli dei nostri mezzi, abbiamo messo il mister nelle migliori condizioni per quanto è nelle nostre possibilità, ma nel corso della stagione battute d’arresto come quella di Modena ci possono stare. Nello sport coesistono tante problematiche e variabili che possono comportare delle sconfitte, ma ripeto la nostra sconfitta è dipesa soprattutto dalla bravura degli avversari”.


Sabato inizia il girone di ritorno con il derby con il Villorba. Il Città di Mestre inizierà la fase discendente del torneo partendo da capoclassifica del girone B e con in pugno l’accesso ai preliminare della Coppa Italia di A2 da testa di serie del raggruppamento. Risultati che la presidenza Chiozzotto ha visto materializzarsi a conferma della felice programmazione che ha portato il club mestrino a competere per un posto tra le grandi. La domanda a Chiozzotto, insomma, sorge spontanea.


- Presidente, che cosa significa riuscire a mantenere questo livello in questo sport quando anche all’interno della stessa città, oltre che della stessa regione, esiste una competizione molto forte?


“E’ molto difficile, bisogna ragionare e muoverci passo dopo passo, non facciamo mai cose azzardate. Abbiamo avuto una crescita continua nonostante nella nostra zona ci sono tanti elementi che elevano la competitività, io penso che la programmazione che stiamo sostenendo ci porterà ad avere grandi soddisfazioni”.