Sala Consilina, Cutrignelli guarda già all'Active: "Siamo pronti a combattere su ogni palla"

Uno Sporting Sala Consilina che continua a mostrare il suo spirito. Su tutti i campi, come da inizio anno d'altronde, al cospetto e malgrado quell'avversario capolista che risponde al nome di Olimpus Roma. I gialloverdi, lo ha sottolineato il tecnico Oliva, devono ritrovare qualche misura e quella tranquillità che caratterizzò un inizio sprint ed entusiasmante.

L'obiettivo è provare a tener fede alle dichiarazioni della presidenza.

"È stata una partita emozionante per me – dice Nicola Cutrignelli, - ma nello stesso tempo una come tante altre. Mi è dispiaciuto non averla giocata al meglio per un infortunio alla caviglia che  mi trasportavo. Avevo chiesto comunque al mister di farmi fare qualche minuto. Loro sono una corazzata, l'arrivo di Fortino sicuramente avrà portato l'asticella più in alto soprattutto a livello mentale perché sono molto cinici. Fino ad ora la posizione in cui si trovano è meritatissima, noi con qualche errore in meno l'avremmo potuta indirizzare diversamente: il 3-3 dal dischetto ci avrebbe portato sulle ali dell'entusiasmo. Ovviamente nulla da dire al capitano, cose che succedono".

Un carattere tipicamente salese, e da riproporre nell'incontro alle porte.

"Conosciamo il nostro valore. Non cerchiamo alibi, davvero però abbiamo patito i tanti, troppi infortuni. Personalmente era dal 2019 non avevo acciacchi ad esempio, quest'anno ho subito due distorsioni abbastanza gravi ad entrambe le caviglie. Ora ho recuperato fortunatamente e voglio volgere lo sguardo all'Active. Ritroverò Monsignori, mio ex allenatore, ed il preparatore Catanzaro con piacere. Loro lavorano molto bene, i nero-arancio combattono su ogni palla. Dovremo fare altrettanto e seguire le indicazioni, daranno battaglia anche se qualche loro energia sarà andata via in coppa".


Nicolò Sabbatino