Serie A2 femminile. La Virtus Cap San Michele batte (2-1) La10 Livorno e conquista la Coppa Italia

In una finale bella, intensa, sofferta, la Virtus Cap San Michele conquista una meritata Coppa Italia battendo 2-1 La 10 Livorno. È un traguardo storico per la società pugliese della presidente Marzia Sapone, un autentico trionfo che corona una stagione a dir poco splendida. Seconda a testa alta La 10, priva di Jessiquinha, che  non molla fino alla fine.


Primo tempo equilibrato, intenso, molto fisico tra le due squadre, che non riescono a trovare vie facili per colpire. Primo spunto della Virtus opera di Colosimo; dall’altra parte, crea scompiglio la grintosa Ramos. Brividi per le pugliesi poi con il colpo di testa di Mastalli. Subito dopo, fiammata della compagine di Lombardi con la combinazione Fatiguso-Piccinno. Con il passare del tempo le squadre cercano di alzare il baricentro, consapevoli che per sbloccare il match serve una una scossa, un episodio favorevole. Che arriva puntuale per la Virtus: la sfortunata deviazione di De Camargo sul tiro di Laluce porta all’1-0. Splendido momento delle baresi che, appena un minuto dopo, grazie a un micidiale uno-due trovano il raddoppio: lo schema è perfetto, la difesa livornese si lascia sorprendere e bomber Corriero sotto porta non sbaglia. Il contraccolpo psicologico è fortissimo per le toscane, mentre la Virtus Cap continua a farsi vedere in avanti trascinata da un’ottima Piccinno. Fino a letteralmente sfiorare il tris con Antonaci, che dalla propria porta prova a replicare quanto fatto contro la Nox: solo la traversa le nega una prodezza che sarebbe stata incredibile.


Nella ripresa La 10, a costo di scoprirsi, cerca la reazione insistita e va vicina al gol con De Camargo, ma è sempre attentissima Antonaci - premiata miglior giocatrice del torneo non a caso. Dal canto suo, la Virtus Cap punta a gestire il match e ci riesce con ordine. Poi, il guizzo vincente della squadra di Vannini: bellissimo il calcio di punizione di Mastalli, che va a insaccarsi sotto al sette. La 10 ora le prova tutte per trovare il pareggio, ma Antonaci dice no. La partita si infiamma e, in un momento fragile per la Virtus Cap, Laluce rimedia il secondo cartellino giallo e viene espulsa. Le biancazzurre sanno però soffrire e tengono botta durante l’inferiorità numerica, cercando poi di scrollarsi di dosso gli spauracchi con la conclusione di Pugliese, tutta sola davanti Dal Pizzol: palla fuori. Superata la doccia fredda, la Virtus dimostra di essersi ripresa d’animo e poco dopo, sugli sviluppi di una splendida azione, è di nuovo pericolosa con Colosimo. È un momento della finale contraddistinto da continui capovolgimenti di fronte, con le due squadre a dare tutto senza riserve. Incandescenti gli ultimi minuti, con l’espulsione di Dal Pizzol tra le ragazze de La 10 e, subito dopo, l’ennesimo intervento a salvare di tutto di Antonaci dopo il palo colpito dalle livornesi. Non c’è più tempo: la Virtus Cap San Michele alza al cielo la Coppa Italia. 


VIRTUS CAP SAN MICHELE-LA 10 LIVORNO 2-1 (pt 2-0) 

VIRTUS CAP: Antonaci, Sacchetti, Protopapa, Corriero, Piccinno, Fatiguso, Ricco, Campanale, Laluce, Colosimo, Pugliese, Barile. All. Lombardi-De Tommaso

LA 10: Dal Pizzol, Citi, La Monica, Galluzzi, Perelli, De Camargo, Mastalli, Ramos, Giubbolini, Di Biagio, D’Addato, Fossi. All. Vanni

MARCATRICI: pt 12’18’’ Laluce (V), 13’30’’ Corriero (V); st 4’20’’ Mastalli (L)

NOTE: ammonite  Mastalli, Ramos. Espulse  Laluce, Dal Pizzol


VIRTUS CAP SAN MICHELE

asd.newcap74@gmail.com