breaking news

08/07/2024 00:00

Si apre la settimana chiave per il futsal italiano: venerdì 12 stop alle iscrizioni - LA SITUAZIONE

Da venerdì 4 luglio sono aperti i canali telematici della Divisione Calcio a 5, che consentiranno di perfezionare le domande di iscrizione ai campionati nazionali, maschili e femminili, della stagione 2024/2025. Ci sarà tempo fino alle ore 19 di venerdì 12 luglio (le domande di ammissione e ripescaggio sono consentite fino a mercoledì 10, le richieste di fusione possono essere presentate fino a lunedì 15): dopo quell’ora non sarà più permesso l’accesso alla piattaforma on-line, per cui chi non riuscirà a chiudere per tempo le operazioni sarà di fatto considerato escluso, a meno che non ci siano stati impedimenti di carattere tecnico che possano consentire una proroga per completare il procedimento. C’è da dire che rispetto alla volta scorsa, in cui abbozzammo un primo quadro generale della situazione, sono intervenute diverse novità, che adesso andremo a rielaborare scandagliando le categorie maschili e rinviando l’argomento del femminile ad un servizio a parte.


SERIE A - Le sedici formazioni che affronteranno il campionato numero 41 del futsal italiano saranno tutte regolarmente ai nastri di partenza. La questione legata alla “crisi” del Manfredonia sembra essersi risolta e resta solo di avere risposte definitive circa l’ok alla fusione tra Active Network Viterbo e Ciampino. Ma il dato certo è che la Serie A edizione 2024/2025 sarà un girone unico a 16 squadre.


SERIE A2 ELITE - La premesse ricalca quella dell’altra volta: in seconda divisione sembrano esserci problemi circa il completamento degli organici. Partiamo dal Ciampino che non si iscriverà e il suo titolo tornerà alla FIGC, così come accadrà per il Città di Mestre, visto che la matricola della nuova società sorta dopo la fusione con la Fenice sarà proprio quella di quest’ultima per effetto dell’anzianità di affiliazione. Due squadre in meno, quindi, subito in partenza, che rischiano di diventare ben cinque: Regalbuto e Ternana, per quanto abbiamo appreso, si iscriveranno ma con riserva di ammissione alla Serie B, lo stesso iter seguito nella scorsa stagione dal Monastir che, appunto, risultò iscritto in A2 Elite ma poi ottenne dal Presidente Federale l’autorizzazione per venire inserito nell’organico cadetto. Da valutare ancora la posizione della Tombesi. Ad oggi si è appreso che solamente Cus Molise e Academy Pescara avrebbero deciso di presentare domanda per l’Elite, mentre lo Sporting Hornets sembra che chiederà l’ammissione “per meriti sportivi” all’A2 Elite qualora la Tombesi dovesse rinunciare, essendo arrivata seconda nel girone C vinto appunto dagli abruzzesi. Vedremo cosa si svilupperà a riguardo. Per cui, a conti fatti, le squadre iscrivibili saranno 26, col punto interrogativo della Tombesi. 


SERIE A2 - 46 le società aventi diritto per 48 posti a disposizione, ma il dato passivo di due unità era già noto. Destinato tuttavia ad aumentare. Intanto perchè Cus Molise e Academy Pescara presenteranno le domande rispettivamente di ripescaggio e ammissione in Elite. Poi hanno già dichiarato la loro volontà a non iscriversi il Compagnia Malo (che proverà a ripartire dalla Serie B, ma sembra più plausibile l’ammissione nel regionale veneto) e il Palo del Colle; il Milano ha unito le forza con i Saints Pagnano ma il titolo meneghino verosimilmente tornerà alla FIGC. Appare difficile, come abbiamo appreso, che il Pistoia si iscriva dirottando tutte le attenzioni sul femminile. Resta ancora un alone di incertezza sul futuro del Celano: nella Marsica tutto tace, come resta da capire cosa farà il Sestu.


A conti fatti dunque, i posti da riassegnare variano dagli otto ai - nella peggiore delle ipotesi - dieci. Chiaramente verranno colmati con una serie di ripescaggi e ammissioni dalla Serie B. Le richieste di ripescaggio, al momento, verrebbero avanzate da Orange Asti, Real Fabrica, Atlante Grosseto e Real Dem; le domande di ammissione di cui siamo venuti a conoscenza verrebbero inoltrate da Futsal Prato, Soverato Futsal, Casagiove, Castellana e Dalia Management, mentre la New Real Rieti starebbe facendo delle valutazioni: i numeri, insomma, alla fine dovrebbero esserci salvo richieste di ammissione all’Elite dell’ultimo momento che andrebbero a liberare ulteriori posti da assegnare.


SERIE B - Al netto di situazioni di cui ovviamente non possiamo essere al corrente, i conteggi per la cadetteria partono dal dato che le società aventi diritto all’iscrizione sono complessivamente 94 sulle 96 previste nell’organico della stagione 2024/2025. Iniziamo a sottrarre intanto le Aquile Molfetta, che ripartiranno dalla C2 pugliese; poi c’è il Fucsia Nizza che da tempo ha dichiarato la volontà a rinunciare; quindi resterà vacante il titolo del Mistral Carini che si è unito al Città di Palermo, con la ‘nuova’ società che si iscriverà alla Serie B. Da approfondire le notizie che riguarderebbero Isola 5, Circolo Lavoratori Terni e Leoni Acerra; l’Atletico Grande Impero ripartirà dalla C2 laziale, seppure il titolo potrebbe esser stato rilevato (dal Laurentino?), così come ha fatto il Città di Adrano, che ha acquisito quello dell’Acireale C5 il quale a sua volta si è unito alla Drago. 


Quindi i 94 posti di partenza, limando i dieci delle formazioni che accederanno in A2 e i cinque delle rinunciatarie “riconsegnati” scenderebbero con questi calcoli a 79, con un totale passivo di ben 17 unità! Posti che devono essere assegnati a chi delle retrocesse dalla B farà domanda di ripescaggio (per quanto ne sappiamo sono certe le richieste che arriveranno da Alghero, Casali del Manco, Chemiba Cerreto d’Esi, Città di Cagliari, Elmas, Forte Colleferro e Naonis), più quelle che verranno dal lotto delle partecipanti ai playoff nazionali delle seconde classificate: sicure quelle di Sermig, Torrita, Superaequum, Polistena, Jesi, X Martiri Ferrara, Aranova e Sporting Alcamo; mentre hanno deciso per rimanere in C Rho Futsal, Palmanova, Trento, Bojano, San Martino e Futsal Scalera, con il Taggia che starebbe ancora valutando. 


Il risultato? Due posti vacanti. Ma queste sono teorie: venerdì sera vedremo il responso dei fatti.