breaking news
  • 13/04/2021 17:29 Serie A2: doppio Nikao non basta, il Monastir batte la Lazio 3-2 nel recupero del girone B
  • 12/04/2021 21:27 Serie B, girone C: il Modena Cavezzo vince 4-0 il recupero di Bagnolo e torna in vetta

28/02/2021 14:36

Sicilia, isola felice per il Lamezia: sbancato con pieno merito il PalaMilan, Scervino fa doppietta

Operazione riuscita per l'Ecosistem Lameziasoccer che sbanca il Palamilan di Caltanissetta ed incamera tre preziosissimi punti.  Operazione non semplice contro una squadra che solo cinque giorni prima aveva a sua volta violato il parquet del Canicattì ed aveva nel mirino proprio la formazione orange che la precede in classifica.

La formazione di Carrozza ha continuato per la strada intrapresa nelle ultime settimane mostrando una maggiore compattezza e voglia di arrivare al risultato. Quest'ultima a volte gioca brutti scherzi, portando a una certa frenesia nel gioco e nelle conclusioni che potrebbero essere gestiste in modo migliore. In ogni caso il risultato è la cosa più importante e da questo punto di vista la Pantera Orange ha fatto appieno il suo dovere.

Mister Carrozza sceglie come quintetto iniziale Sperlì in porta con Mantuano, Morelli, Scervino e Pereira di movimento. I padroni di casa con Biasco in porta, Costa, Lo Bongiorno, Colore e Toledo di movimento.

Lametini subito pericolosi con Biasco che dice no a diverse conclusioni. La più clamorosa vede una prima opposizione su Scervino a tu per tu, sulla respinta tiro di Pereira salvato sulla linea ed ancora Pereira sulla ribattuta con Biasco che si distende e mette in angolo.  

L'avvio e molto promettente per gli orange ma poco dopo arriva la doccia fredda. Sono passati 3'29" quando Lo Bongiorno indovina il tiro dalla distanza e porta in vantaggio i padroni di casa. L'Ecosistem non si scompone e continua a fare la propria partita, i padroni di casa rispondo e la gara è molto intensa e maschia.

Dopo quattro minuti il pareggio di Montesanti con una botta di prima intenzione sulla battuta, a sorpresa, di un calcio di punizione di Deodato.

Le occasioni si susseguono ma ci vuole un altro tiro da fermo per muovere il punteggio. Calcio di punizione dalla stessa mattonella precedente con Scervino che questa volta cerca direttamente la porta. Gran botta e palla nel sacco. Il vantaggio da ancora più fiducia a Morelli e compagni che cercano di chiudere la gara già dal primo tempo. Ci prova Scervino con altra gran botta che prende il palo alla destra di Biasco attraversa tutta la porta dietro le spalle del portiere ed esce dal lato opposto. È l'avvisaglia del gol che sta per arrivare; ad un minuto dal termine della prima frazione azione da manuale degli orange che si portano sul 3-1. L'azione parte da Deodato dalla propria area, scarico a sinistra per De Masi che di prima tocca al centro per Morelli che sempre di prima lancia sulla sinistra Deodato che si era sovrapposto; faccia a faccia con Biasco e quattordicesimo gol stagionale per l'attaccante lametino.

Nella ripresa l'Ecosistem può controllare la partita anche perché dopo meno di tre minuti arriva la quarta marcatura. Protagonista Scervino che conquista palla al limite della propria area si invola sulla fascia sinistra e quasi dal fondo mette una palla in mezzo che beffa difensori e portiere insaccandosi in rete.

I padroni di casa cercano disperatamente di aprire varchi nella difesa lametina che non molla e Sperlì è attento. Naturale conseguenza altra marcatura in ripartenza degli orange.  Triangolo sulla sinistra De Masi-Pereira-De Masi con quest'ultimo che lascia partire un tiro diretto sul secondo palo che viene toccato sulla linea da Costa nel tentativo di liberare ma inutilmente.

Quinto gol e vittoria in ghiaccio? Non proprio, perché il solito Lo Bongiorno replica subito con una bella giocata ed un tiro rasoterra da posizione centrale che si insacca.  Manca ancora molto al termine e mister Rizza tenta il quinto di movimento. In questa fase si crea molta confusione; non c'è una gestione ottimale del quinto uomo dei padroni di casa così come anche la difesa lametina non è impeccabile. Azioni poco limpide che comunque servono alla causa lametina per avvicinarsi al termine della contesa. La Pro Nissa trova il gol solo a 67" dal termine ancora con un tiro dalla distanza, questa volta di Colore. Un lampo che serve a poco visto che subito dopo lo stesso Colore si becca il secondo giallo con relativa espulsione ed i lametini, in superiorità numerica, possono portare a casa i tre punti.

Uff. Stampa  Ecosistem Lamezia Soccer