Tra Sandro Abate e Olimpus è partita vera: la decidono Joselito e Cutrupi, ma pesano i rossi irpini

Quando Sandro Abate e Olimpus si affrontano una cosa è certa: nessuno si annoia. La passata stagione, gli irpini risolsero la gara del Pala Del Mauro clamorosamente praticamente sul suono della sirena, stavolta i tre punti se li è presi l’Olimpus ma la partita che ha aperto i giochi della seconda giornata di andata verrà ricordata per quello che è accaduto a 4 secondi dall’intervallo. Un intervento scoordinato di Parisi su Joselito (vedi fermo immagine in gallery) era la scintilla per un parapiglia, fatto solo di parole grosse e qualche spintone, che di fatto fermava la gara per parecchi minuti: e quando si riusciva a riportare la calma sul parquet, ci pensavano i signori De Lorenzo e Serfilippi a sventolare una bella dose di cartellini rossi, con Bagatini (tra l’altro ex di turno), Alex e Gui spediti dritti sotto la doccia e gli allenatori Basile e D’Orto allontanati dalle panchine.


A parte questo episodio non proprio apprezzabile, possiamo dire che Sandro Abate-Olimpus è stata partita vera, giocata con grande determinazione dai protagonisti del campo, che ha premiato sicuramente la squadra che è stata capace di commettere meno errori, sfruttando al contempo le assenze che hanno costretto gli irpini a giocare la seconda frazione senza due giocatori come Alex e Gui, andatisi a sommare alla pesante defezione di Pola annunciata solo nell’immediata vigilia del match.


LA CRONACA - Match che regala la prima nota per il taccuino con il gol romano. 2’40”: Tres invita in profondità Marcelinho che sull’uscita di Parisi piazza il piatto destro per l’1-0 ospite. La reazione irpina non tarda ad arrivare e a cavallo del 3’30” prima è Gui a tirare debolmente su Ducci dopo aver ricevuto la palla dal fondo da Avellino, quindi il bolide di Spellanzon finisce non poco lontano dal palo alla destra del portiere capitolino.


Pareggio che arriva solo al 12’50”: palla recuperata da Spellanzon, Gui parte come un fulmine, aggira Ducci e insacca il pari. Al 13’18” gran conclusione di Cutrupi, con la palla che si stampa sul palo alla destra di Parisi, la riprende Schininà che strozza troppo il tiro. Al 14’10” ci prova Nicolodi dall’out destro, Ducci fa buona guardia, pochi istanti dopo Alex libera Nicolodi, palla che fa la barba al montante alla sinistra di Ducci. Sul fronte opposto gran sinistro al volo di Tres, la sfera si spegne di poco a lato. Al 18’34” assist al bacio di Dimas per Bagatini che non arriva coordinato per la deviazione in rete sul secondo palo, poi Avellino appoggia ad Alex una punizione che il ciezano spreca con un destro sporco. Il primo tempo si chiude con l’episodio riportato in apertura, le cui conseguenze condizioneranno lo svolgimento della ripresa.


Si riparte con Berthod al posto di Parisi e con le due squadre si presentano in 3. E c’è subito la svolta: 1’14”, errore di Berthod, Joselito gli ruba la palla e la deposita nella porta sguarnita per l’1-2 dell’Olimpus. Il portiere azzurro cerca di riscattare il negativo impatto con la Serie A cercando la via della rete con le sue conclusioni dalla distanza, ci prova anche Avellino inutilmente. La Sandro Abate prova a forzare i ritmi: al 9’40” Ducci si salva sulla cannonata di sinistro di Spellanzon, ma al 11’44” Marcelinho costringe Berthod ad un altro errore, Cutrupi recupera palla e dalla metà campo infila la porta vuota portando l’Olimpus sul 3-1. 


Comella mette Ugherani portiere di movimento ma al 14’ sono gli ospiti che sfiorano il quarto gol con un tentativo di Joselito dalla sua metà campo, sul proseguimento dell’azione Spellanzon centra in pieno la traversa. La Sandro Abate insiste col portiere di movimento: al 16’27” ancora Spellanzon prende in pieno il montante con Ducci proteso in tuffo e quando, al 19’54”, Ugherani spedisce in rete una palla recuperata da Creaco in pressione su Joselito, è troppo tardi per sperare che la rimonta di una tenace Sandro Abate possa realizzarsi. L’Olimpus vince 3-2 e con i tre punti in terra irpina vola provvisoriamente al comando della Serie A a punteggio pieno assieme al Pescara, in contemporanea andato a segno sul campo della Meta.


SANDRO ABATE-OLIMPUS ROMA 2-3 (pt 1-1)
SANDRO ABATE: Parisi, Abate, Alex, Nicolodi, Avellino, Spellanzon, Creaco, Ugherani, Gui, Iandolo, Berthod, Rizzo. All.: Basile

OLIMPUS ROMA: Ducci, Tres, Schininà, Marcelinho, Joselito, Cutrignelli, Batella, Cutrupi, Bagatini, Di Eugenio, Dimas, Cerulli. All.: D'Orto

ARBITRI: Paolo De Lorenzo (Brindisi), Luca Serfilippi (Pesaro), c furono: Emilio Romano (Nola)

MARCATORI: pt 2’40’’ Marcelinho (O), 12'50'' Gui (S), st 1’14’’ Joselito (O), 11'44'' Cutrupi (O), 19'54'' Ugherani (S)

NOTE: ammoniti Dimas (O), Avellino (S), Ugherani (S), Cutrignelli (O). Al 19'56 del pt allontanati i tecnici Basile (S) e D'Orto (O). Espulsi: al 19'55'' del pt Alex (S) e Gui (S), Bagatini (O)


Galleria