breaking news

27/06/2022 15:26

Verso Italia-Bosnia. Bellarte: ''Iniziamo a capire il nostro livello''. Musumeci: ''Una gara verità"

La Nazionale italiana di futsal, radunata a Manzano in vista della doppia amichevole con la Bosnia-Erzegovina, è finalmente a ranghi completi: il Ct Massimiliano Bellarte, dopo i primi giorni di raduno, ha avuto a disposizione già nella giornata di ieri i calciatori della Feldi Eboli Vincenzo Caponigro e Fabricio Calderolli, reduci dalla finale scudetto con il Pesaro; mentre oggi si sono aggregati al gruppo anche Alex Merlim (Sporting Lisbona) e Cainan De Matos (Palma Futsal), partiti dopo la conclusione della finale per il titolo dei campionati portoghese e spagnolo.

 

VERSO ITALIA-BOSNIA - Questa mattina, presso l’Elliot Hotel di Manzano, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dei due test match con la Bosnia-Erzegovina (martedì 28 e mercoledì 29 le due partite, entrambe alle 20.30 al Palasport di Manzano).

 

Il commissario tecnico ha sottolineato l’alto valore dell’avversario.

 

“Per noi inizia qualcosa di nuovo, il roster della nostra squadra ha abbassato drasticamente l’età media, per far sì che il tutto abbia un’esistenza più lunga, un percorso a lungo termine. La Bosnia-Erzegovina è un ottimo test, all’ultimo Europeo hanno vinto il proprio girone, così come lo abbiamo fatto noi, sono una squadra forte, in vista delle qualificazioni al Mondiale che cominceranno a settembre. Le partite non si preparano, si giocano, inizieremo a capire il nostro livello”.

 

Dello stesso avviso anche Carmelo Musumeci, uno dei leader del gruppo Azzurro.

 

“Affrontiamo una grande squadra, ci stiamo allenando bene, con grande intensità. Il gruppo è giovane, nuovo, siamo un cantiere aperto, ma il capo cantiere è un grande allenatore. Molti ragazzi non hanno esperienza internazionale, quindi la prima gara sarà la più difficile. Noi con più esperienza cercheremo di aiutare i più giovani. Il livello del futsal internazionale si è equilibrato verso l’alto, non si può sottovalutare nessun avversario: dobbiamo preparare la gara nel migliore dei modi, l’Italia vuole tornare all’alto livello e per farlo dobbiamo affrontare queste gare, che ben vengano, sono quelle che ci faranno crescere”.  

 

Ci sono cinque precedenti fra l’Italia e la Bosnia: il primo, un 2-2, risale alla qualificazione al Mondiale del 2000; l’ultimo, nel 2019 a Pescara, fu 3-2 per gli Azzurri. Il computo totale recita: quattro vittorie per l’Italfutsal e un solo pareggio.

 

Ufficio Stampa FIGC