Vitulano Drugstore Manfredonia, il presidente onorario Esposto: ''Una vittoria che vale doppio''

Una vittoria fondamentale, la prima in casa, arrivata nell'ultima gara utile prima della sosta. Una sosta da affrontare con il morale alto in casa Vitulano Drugstore Manfredonia, che dopo aver sbancato il PalaOlgiata di Roma è riuscito a far festa davanti ai suoi tifosi. Al termine della gara, ai microfoni di Puglia5, ha parlato il presidente onorario Luigi Pio Esposto. 

"E' stata una vittoria importantissima contro una diretta concorrente e per questo vale doppio. C'era questo mal di casa  nonostante ottime prestazioni non eravamo mai riusciti a portare a casa il bottino pieno, anzi abbiamo registrato una serie di sconfitte. Questa è stata la vittoria del gruppo da dedicare a Canabarro che ha accettato di venire in Italia con professionalità abbracciando il nostro progetto in modo esemplare. Motivi personali lo hanno indotto a chiedere di tornare in Brasile. Quando ce lo ha comunicato non abbiamo potuto far altro che  prenderne atto e dargli questa possibilità in quanto andrà a giocare in un grande club (Corinthians ndr). C'è in ballo la Nazionale e quando si tratta di questo sappiamo che ogni giocatore ha questa ambizione. Per il resto ringrazio questo caldissimo pubblico che si è presentato in massa al Palascaloria. In un certo momento eravamo in difficoltà e il pubblico ha aiutato la squadra a crederci fino alla fine con concentrazione uscendo vincitori da una vera e propria battaglia” .

L'uscita di Canabarro ha portato però anche due nuovi arrivi come Moretti e Foglia che hanno già dato il loro apporto.

“Per  Well valuteremo il da farsi, sapete che ha preso tre giornate di squalifica e faremo sicuramente ricorso per cercare di ridurre la squalifica. I nostri sponsor in particolare quello principale, Vitulano Drusgstore, ci ha dato la possibilità di potenziare questa squadra con innesti di esperienza. Se c'è qualcosa che ha caratterizzato la prima parte di campionato è stata la sequela di errori dovuta ad ingenuità, per cui gli innesti saranno mirati per permettere loro di integrarsi bene con chi già c'è. Ritengo che almeno tre o quattro colpi li facciamo. Su questo dovranno lavorare il direttore sportivo e quello generale e il mister che cercheremo di accontentare. Stiamo lavorando giorno e notte per accontentare soprattutto questa piazza che merita di continuare a sognare in Serie A”. 


CLICCA QUI PER L'INTERVISTA