breaking news

09/01/2021 20:25

Well apre, Cesaroni chiude, in mezzo i gol di Galliani e Wilde: blitz ligure per il Signor Prestito

A conti fatti, la differenza tra CDM e Signor Prestito CMB l’ha fatta… il primo tempo. Non tanto a livello numerico (anche se fatti i debiti conti i due gol di differenza finali sono stati marcati proprio nella prima parte del match) quanto per il modo con il quale è stata interpretata la gara, che ha visto il Signor Prestito approcciare con ben altra convinzione al contrario di una CDM che per lunghi tratti ha dato l’impressione di non saper come provare a scardinare la retroguardia ospite. E se si pensa che la CDM ha concluso solo due volte nello specchio della parte nei primi venti minuti, si può tranquillamente puntare su questo aspetto il vero motivo che ha scritto l’esito del match.


LA CRONACA - Match che, come detto, vedeva il Signor Prestito molto più convinto tanto che dopo 1’40” Wilde, favorito da un rimpallo, si trovava davanti la porta di Loconte, ma al momento della conclusione veniva disturbato da Ortisi e il tiro andava fuori bersaglio. Ma era l’antipasto del vantaggio materano che arrivava al 3’17”: ripartenza di Cesaroni, appoggio sulla sinistra a Well che mirava l’angolo opposto e poteva esultare per l’ottava marcatura stagionale.


All’8’15” ripartenza di Pulvirenti, Loconte copriva lo specchio della porta e il tiro del numero 6 ospite incocciava la base del palo. Al 9’ movimento di Jonas, palla sul sinistro e tiro che si spegneva sull’esterno della rete. Al 12’18” puntata di Titon, Weber addomesticava la sfera in due tempi. Nel momento apparentemente migliore della CDM, la squadra di Nitti raddoppiava: Wilde se ne andava sulla destra e tagliava sul lato opposto per il sinistro di Galliani che valeva lo 0-2, minuto 13’08”.


Lombardo chiamava timeout e a poco più di quattro minuti dall’intervallo metteva Titon portiere di movimento: mossa del tutto infruttuosa contro una difesa ospite attenta che riusciva a limitare i pericoli per Weber. Al riposo, dunque, 2-0 il parziale in favore del Signor Prestito CMB.


La ripresa iniziava con la CDM subito in campo col quinto di movimento, tanto da trovare rapidamente il gol con cui dimezzava lo svantaggio. Erano appena passati novanta secondi quando Pizetta puntava la porta materana e sferrava un gran destro che fulminava Weber. Le battute iniziali di secondo tempo lasciavano supporre ad una ripresa di grande intensità, Vega (al 2’44”) si faceva largo sulla sinistra, creando scompiglio nell’area lucana. L’azione si spostava sul fronte opposto, accelerazione di Wilde che che si accentrava e con un gran tiro di sinistro faceva secco Loconte sotto la traversa: 3’04”, 3-1 per il Signor Prestito.


La CDM non si scoraggia e da palla inattiva Fabinho insacca quasi subito il 2-3, un gol che spostava nuovamente l'inerzia dalla parte dei ragazzi di Lombardo, che prima rischiavano di capitolare quando il palo destro di Loconte ribatteva nuovamente il tiro di Pulvirenti, ma si facevano vedere in avanti con pericolosità in almeno un paio di circostanze a cavallo di metà tempo: al 9’38” con una sforbiciata di Totoskovic da applausi, mezzo giro di lancette più tardi era addirittura Loconte a farsi tutto il campo aprendosi un varco che gli permetteva di arrivare ai dodici metri concludendo malamente. 


Nitti chiamava time-out per rimettere ordine alla situazione, finchè, a poco meno di due minuti dalla fine, arrivava la svolta: Totoskovic, già ammonito, tratteneva un avversario e si prendeva il secondo giallo, andando anzitempo sotto la doccia. In superiorità numerica, a venti secondi dalla sirena ci pensava capitan Cesaroni a siglare il poker mettendo fine alle ultime speranze di una CDM che adesso vede la strada verso la salvezza farsi evidentemente più complicata.



CDM FUTSAL GENOVA-SIGNOR PRESTITO CMB MATERA 2-4 (pt 0-2)

CDM FUTSAL GENOVA: Lo Conte, Ortisi, Pizetta, Titon, Molaro, Manca, Joao Vitor, Fabinho, Rivera, Piccarreta, Vega, Totoskovic, Devignaud, Pozzo. All. Lombardo

SIGNOR PRESTITO CMB MATERA: Weber, Galliani, Well, Wilde, Cesaroni, Neto, Pulvirenti, Arvonio, Bizjak, Romagnoli, Rocha, Strippoli, Nucera. All. Nitti

ARBITRI: Michele Ronca (Rovigo), Massimo Tariciotti (Ciampino), Stefano Pasquino (Nichelino). Crono: Vincenzo Cammarano (Nichelino)

MARCATORI: pt 3'17'' Well (SP), 13'08'' Galliani (SP), st 1'30'' Pizetta (CDM), 3'05'' Wilde (SP), 5'16'' Fabinho (CDM), 19'38'' Cesaroni (SP)

NOTE: ammoniti Joao Vitor (CDM), Fabinho (CDM), Wilde (SP), Totoskovic (CDM), Pizetta (CDM). Espulso al 18'10'' del s.t. Totoskovic (CDM) per somma di ammonizioni