Zannoni e Putano saltano Volpiano, Candeo invoca lo spirito di gruppo per il secondo atto con la L84

Dopo il match di mercoledì sera, Città di Mestre ed L84, a pochi giorni di distanza, saranno di nuovo di fronte uno all’altra per la quinta giornata di ritorno. Scherzi del calendario dei recuperi.

Così, dopo lo scoppiettante pareggio infrasettimanale, adesso si replica a campi invertiti e vedremo quale delle due formazioni avrà le forze necessarie per avere la meglio sull’altra, dopo aver consumato molte energie mentali e fisiche soltanto quarantott’ore fa.

Sicuramente ne hanno risentito gli arancioneri che per la partita di domani perderanno due pedine importanti come Zannoni e Putano, ma mister Antonio Candeo non fa drammi.

“Ci siamo ritrovati ieri per l’allenamento, con una prima ora affrontata con grande intensità e nella seconda scaricando perché la stanchezza fisica e mentale si è sentita. Ma la squadra è convinta. Siamo cresciuti di partita in partita. Ad Aosta dovevamo vincere e questo è stato. A Prato abbiamo giocato bene a tratti. A Villorba abbiamo fatto bene il primo tempo e meno il secondo, prima con il Massa avevamo fatto bene ma senza portare a casa il risultato, mentre mercoledì oltre al bel gioco è arrivato anche un buon punto. Adesso i ragazzi hanno consapevolezza dei loro mezzi, per questo, avendo una rosa ampia, non è importante chi gioca o meno. Tutti possono e devono dare il loro contributo. Il campionato è lungo ed è importante che quando vengono chiamati ognuno risponda presente. E visto il loro impegno sono sicuro che sarà così anche a Torino”.

- Anche se ci dovremo attendere una L84 che vorrà rifarsi del mezzo stop di Mestre…

“Loro sono una squadra costruita per fare il salto di categoria. Con giocatori che hanno esperienza e che sanno giocare partite del genere. Ma anche i nostri stanno crescendo e mercoledì sì è visto in ogni fase del match. Si giocava con determinazione ed intensità su ogni pallone. Noi non partiamo battuti, ma non sono certo queste le partite che possiamo e puntiamo a vincere. Non facciamo la corsa sugli avversari di domani, ma pensare tutto quello che verrà sarà guadagnato. Puntiamo alle prossime uscite, che non dovremo sbagliare”.

Domani vedremo quale sarà l’esito della seconda sfida tra L84 e Città di Mestre. E che vinca il migliore!


Ufficio Stampa Città di Mestre