breaking news

26/05/2021 16:54

#Day6: il Tre Fiori ferma la capolista Fiorentino. Colpo di reni Murata, Folgore appesa a un filo

Il Tre Fiori interrompe la striscia dorata del Fiorentino inaugurata all’alba di due stagioni fa. La squadra rossoblù, che nel periodo in oggetto è stata in grado di mettere in bacheca tutti i titoli nazionali disponibili, si ferma a quota 52: tante sono state le vittorie messe in fila dagli uomini di Chiaruzzi prima e di Fallini poi nelle tre competizioni del Titano. Quello di ieri, nel derby, è un pareggio che comunque mantiene intatta l’imbattibilità del Fiorentino e soprattutto ne determina una certezza: quella di prendere parte ai play-off accedendo direttamente alle semifinali. È il privilegio delle capolista: e la squadra di Fallini sarà certamente capolista del Gruppo A anche dopo le gare dell’ultimo turno di regular season, alle quali non prenderà parte in quanto costretta al turno di riposo.

Il Tre Fiori dovrà accontentarsi del secondo posto, comunque non più in discussione. La squadra di Michelotti trova il vantaggio al 26’ con Verri ma si fa raggiungere al 38’ da Pasqualini. Il nuovo vantaggio firmato Danny Gasperoni, al 55’, sembra preludere ad una vittoria che lancerebbe i gialloblù verso un primo posto finale assai probabile, ma il colpo in chiusura di Righi ristabilisce la parità e soprattutto il +5 in classifica del Fiorentino, che nella peggiore delle ipotesi chiuderà la regular con due lunghezze di vantaggio sui cugini.
Dietro, la vittoria del Murata sulla Juvenes-Dogana infiamma la lotta per il terzo posto, conteso dalle due rivali di serata e anche dalla Virtus, che nel frattempo si libera senza problemi dell’ostacolo Libertas. Era in una situazione piuttosto agiata, ma con la sconfitta cambia tutto per la Juvenes-Dogana, in svantaggio una prima volta per la rete di Albani e poi capitolata nel finale per l’acuto di Sabatino, dopo che Giardi era riuscito a riportare i biancorossoazzurri sulla linea di galleggiamento. Ora tutto si deciderà all’ultima giornata, quando andrà in scena proprio lo scontro diretto fra Juvenes-Dogana e Virtus, sorta di spareggio in quanto, adesso, le due formazioni possiedono lo stesso numero di punti in classifica (7).

Il Murata non può che tifare per un pareggio. La vittoria dell’una o dell’altra estrometterebbe dalla post season i bianconeri di Penserini, che invece, in caso di ‘X’ (e ammesso che nel frattempo battano la Libertas) trarrebbero massimo beneficio dalla situazione che si verrebbe a creare, ossia un terzetto di squadre a quota 8 in cui la selezione verrebbe fatta dai punti accumulati nei tre scontri diretti: il Murata, forte della vittoria sulla Juvenes-Dogana e del pareggio con la Virtus, sarebbe ai quarti di finale.

Tornando alla stretta attualità, la Virtus come detto centra l’aggancio alla Juvenes grazie all’agevole vittoria contro la Libertas, superata 6-0 per effetto della doppietta di Selva e delle reti di Pacheco, Francioni, Morganti e Mattioli. Nel Gruppo B, La Fiorita mette il sigillo finale alla propria regular season superando 7-3 il Cosmos e chiudendo con il massimo dei punti conquistabili, 18, anche se i gialloblù di Montegiardino avevano già in tasca primato e accesso diretto alla semifinale. Scoppiettante in modo particolare il primo tempo, chiuso sul 5-3 da La Fiorita, che apre con la tripletta di Giuccioli e con il primo centro di serata di Massimiliano Bernardi. Il Cosmos accorcia con Esposito, La Fiorita contro-replica con Bollini ma l’ultima parola prima dell’intervallo è ancora gialloverde: è il rapido 1-2 firmato Esposito-Giacomo Gasperoni a ridare speranza alla squadra allenata da Dante Canducci. Nella ripresa, giocata su ritmi un po’ più compassati rispetto alla prima frazione, La Fiorita trova poi l’allungo decisivo grazie ad altre due reti di Bernardi. Ora i gialloblù potranno sfruttare una decina di giorni senza impegni per preparare la semifinale, anche se quelle di ieri sera non sono tutte note liete, visto che nel finale Toccaceli rimedia un rosso che gli farà saltare – almeno - la gara decisiva di venerdì 5 giugno.  

Il Cosmos rimanda ogni discorso play-off alla sfida della 7° giornata, quando affronterà il Domagnano, ieri a riposo. Intanto il Tre Penne si prende la terza posizione provvisoria – e solitaria – grazie al punto rimediato nello scontro diretto con la Folgore, che passa in vantaggio al 19’ con Gennari ma si vede raggiunta al tramonto della prima frazione da Boschi. Anche qui un’espulsione, quella di Dominici per doppio giallo. Al Tre Penne basterà superare il fanalino Faetano, all’ultima giornata, per prolungare la propria stagione, mentre la Folgore dovrà sperare in almeno un risultato amico da questo confronto o da quello fra Cosmos e Domagnano, oltre naturalmente a battere il San Giovanni. Che proprio ieri si è sbloccato a spese del Faetano, condannato dalla tripletta di Casali a rimanere l’unica squadra del girone ancora senza punti all’attivo. Sposta poco, in casa gialloblù, il gol della bandiera messo a segno da Maddalena.

Di seguito il riepilogo completo della sesta giornata. 

Gruppo A. Virtus-Libertas 6-0, Juvenes Dogana-Murata 1-2, Tre Fiori-Fiorentino 2-2. Riposa: Pennarossa.

Classifica: Fiorentino 16, Tre Fiori 11, Virtus e Juvenes Dogana 7, Murata 5, Pennarossa 4, Libertas 0.


 Gruppo B: San Giovanni-Faetano 3-1, Folgore-Tre Penne 1-1, Cosmos-La Fiorita 3-7. Riposa: Domagnano.

 Classifica: La Fiorita, 18, Domagnano, 9, Tre Penne 8, Folgore e Cosmos 7, San Giovanni 3, Faetano.  



FSGC | Ufficio Stampa

FOTO ©FSGC