breaking news

01/12/2021 17:21

#futsalmercato, l'Italservice Pesaro saluta un grande campione: si dividono le strade con Miarelli

L'avventura di Michele Miarelli con la maglia dell'Italservice Pesaro è ufficialmente terminata. Il futuro dell'estremo difensore capitolino è già scritto altrove, ma la società del presidente Pizza ne ha ufficializzato l'uscita attraverso un comunicato. Parole di addio che testimoniano il legame profondo che si era creato in questi anni. Ecco il comunicato. 

"Due scudetti, una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana. Premio di MVP della Supercoppa 2019, Miglior Portiere della Coppa Italia e della regular season 2021 e MVP delle finali scudetto 2021.

Le strade dell’Italservice Pesaro e di Michele Miarelli si separano, lasciandosi alle spalle una marea di trofei, di riconoscimenti personali e immense soddisfazioni. Perché Miarelli, portiere della Nazionale Italiana, ha contribuito tremendamente a scrivere le pagine più importanti della storia biancorossa.

Oggi lo salutiamo. Uuuhhh, quanto è difficile. Però lo sport è così, ci tocca. La sua strada e quella dell’Italservice si dividono ufficialmente. Tutta Pesaro ci tiene a rendergli omaggio. A ringraziarlo per la professionalità, per le capacità, lo spessore, le qualità…. per tutto. A farlo meglio di chiunqe altro ci pensa il presidente Lorenzo Pizza: “Salutiamo un bravo ragazzo, un campione, che ha dato un contributo decisivo in questi anni decisivi alla causa dell’Italservice Pesaro. Auguro a lui e alla sua famiglia tutto il meglio, sia a livello sportivo che a livello umano e familiare. Grazie davvero di tutto Michele!”.

Miarelli che dal suo canto sulla propria pagina Instagram ha lasciato un messaggio breve ma intenso: “Si conclude il mio percorso a Pesaro, sono state stagioni piene di soddisfazioni. Chiudo questa esperienza certo di aver dato il mio contributo alla causa dell’Italservice e a quella dei tifosi biancorossi a cui mando un grande abbraccio! Grazie a tutti! Michele”.

Grazie a te Michele, che hai saputo scacciare via a suon di parate tutte le nostre paure. E con quelle stesse mani, hai alzato numerosi trofei da protagonista, insieme ai tuoi – oramai – ex compagni e campioni biancorossi.

Mamma che fatica scrivere queste parole…"