#futsalmercato, tra i tanti litiganti alla fine può godere la Gear Siaz: Gallinica a Piazza Armerina

Nelle ultime stagioni è diventato un po’ il pallino del #futsalmercato a tutti i livelli, anche perché le sue qualità e le capacità con le quali riesce ad adattarsi alle varie situazioni di gioco lo rendono uno dei giocatori più versatili e duttili dell’intero proscenio del pallone a rimbalzo controllato. Chi lo cerca lo sa bene: Alessandro Gallinica è una di quelle pedine che qualsiasi allenatore vorrebbe poter utilizzare nel proprio scacchiere e i dati del campo danno la riprova di quanto elevato sia l’indice di apprezzamento nei suoi confronti.


Anche in questa estate il nome di Gallinica è stato accostato a più di una società. In principio si era parlato di un possibile trasferimento da Lecco (dove la scorsa stagione ha conquistato la promozione in A2) a Morbegno; poi si era sparsa la voce di un possibile salto in A, quindi l’interessamento della Ternana sembrava dovesse portare ad un qualcosa di concreto. E invece l’affare potrebbe farlo la Gear Siaz… e che affare.


RITORNO ALLE ORIGINI - La scintilla è scoccata praticamente nelle ultime ore. Gallinica (la cui famiglia è originaria proprio di Piazza Armerina) sta trascorrendo qualche giorno di vacanza in Sicilia: un incontro, non certo casuale, con i vertici del club armerino e dalle parole si è passati… ai fatti. Tanto che chi vive da vicino gli ambienti della Gear dice che mancherebbe solamente la firma sull’accordo che riporterebbe Alessandro in quella società in cui aveva militato alcuni mesi, nella Serie C1 della stagione 2017/2018, quella propedeutica allo storico balzo nel nazionale.


Dopo CMB, Real Rieti, Active Network, Polistena, Bovalino e Lecco, per Gallinica sarà un anno (Gear) 2.0?