breaking news
  • 03/07/2022 12:30 #Serie B, Nicola Masiello è stato riconfermato sulla panchina del Senise

26/04/2022 22:30

#RoadtoF4, il saluto di Umberto Fiore: ''Non vedo l'ora che cominci questa splendida due giorni''

Il conto alla rovescia è cominciato. Mancano solo quattro giorni a quello che sarà l’evento di fine stagione, la Final Four della Coppa Italia di Serie C. Che non completerà il percorso dei campionati di categoria, ma comunque assegnerà un premio tutt’altro che simbolico, incoronando di fatto la squadra campione d’Italia di Serie C. Anche perchè tre delle quattro finaliste - la Napoli Barrese, il Noci e il Bissuola - il loro obiettivo lo hanno raggiunto sul campo conquistando la Serie B, traguardo tagliato anche dal Pavia che è stata impalmata dalla Divisione Calcio a 5 e in Campania si presenterò con il posto nei cadetti già in tasca.


All’ombra del Vesuvio intanto ci si prepara per la competizione che assegnerà la coccarda a tre colori. La Napoli Barrese ha ricevuto dalla federazione il placet per allestire la rassegna. Un grande impegno sul piano organizzativo ma una opportunità che rende onore al club: quando è nata questa idea e che tipo di riscontro avete ricevuto sul territorio? Risponde il presidente Umberto Fiore.


”Un impegno non semplice in verità, ma ci tenevo tanto ad organizzare qui le finali. L’idea è nata subito dopo aver passato il turno contro il Celano e la soddisfazione più grande è stata quella di essere riusciti ad avere il mandato dalla federazione, così da portar in alto il nome del mio club e della mia regione”.


- Tutti si aspettavano Cercola, invece si giocherà al PalaWoytila di San Sebastiano. Una scelta che non ha ricevuto tanti consensi: come mai questa soluzione? Sono intervenuti problemi che vi hanno imposto una location diversa da quella abituale?


“Purtroppo per i tempi ristretti non siamo riusciti ad organizzare l’evento a Cercola, ma San Sebastiano è una struttura che ha molto potenziale e se organizzata come pensiamo noi, avrà un grande successo”.


- Barrese-Bissuola, una semifinale che può valere tranquillamente la finale. Come state vivendo l'attesa dell'evento e nello specifico di questa partita? Che idea vi siete fatti dei veneziani?


“Il Bissuola è una squadra fortissima, sicuramente è una delle pretendenti più accreditate alla vittoria finale, ma la mia squadra sta benissimo e lo dimostrerà. Io sono felicissimo come un bambino al parco giochi, non vedo l’ora che inizi questa splendida due giorni”.


- Infine, cosa ti attendi dalla Barrese a livello di prestazione, considerando che dopo una stagione di successi chiuderla col triplete sarebbe a dir poco il massimo?


“I ragazzi daranno tutto quello che hanno in corpo, perché amano la maglia e non mollano mai: e io sono tranquillissimo. Auguro un grande ‘in bocca al lupo’ a tutti”.