breaking news
  • 29/05/2022 11:32 Under 17 fase nazionale, girone 2: Five To Five-OR R.Emilia 1-1, Fenice-ACSS Mondolfo 5-0
  • 29/05/2022 09:10 Under 15, fase nazionale: primi turno dei gironi 1, 3 e 4, e seconda giornata del girone 2
  • 29/05/2022 09:09 Under 17, fase nazionale: primi turno dei gironi 1, 3 e 4. Il girone 2 in campo ieri
  • 29/05/2022 09:08 Under 21 Nazionale, playoff: si giocano oggi le gare di andata dei quarti di finale
  • 28/05/2022 17:10 Serie C1 Umbria: la finale playoff termina 3-3 (dts). Gadtch 2000 agli spareggi nazionali

13/05/2022 10:00

#SerieC1Sardegna, la San Sebastiano Ussana ci crede. Ledda: ''Scriveremo la storia di questo club''

Tutti a Sa Duchessa, domani pomeriggio, per l’attesissimo spareggio che scriverà la parola fine su uno dei campionati più incerti di sempre della Serie C1 sarda, Un campionato che dopo ventisei giornate ancora non ha emesso il suo vincitore e che è dovuto ricorrere a una sfida supplementare e senza appello per decidere chi tra Elmas e San Sebastiano Ussana volerà direttamente in Serie B e chi, invece, sarà obbligato a conquistare la cadetteria passando per i playoff nazionali giocando per un altro mese ma stavolta fuori dei confini isolani.


Per lal San Sebastiano Ussana si tratta della seconda chance importante, sicuramente maggiore rispetto a quella avuto nella finale della Coppa Italia regionale in cui, però, si impose l’Alghero, arrivato alle spalle (ma staccassimo) della coppia regina.


- Capitan Oscar Ledda, vi giocate un’intera stagione in una sola partita: come l’avete preparata e come affronterete l’Elmas?


“Direi molto più importante della Coppa Italia... L’abbiamo preparata come tutte le altre gare disputate, ma con una concentrazione molto più elevata e non snaturando il nostro modo di giocare”.


- I precedenti della “regular season” parlano ambedue per i vostri rivali ma domani tutto si deciderà in una gara senza appello. Dal punto di vista mentale in cosa dovrà differenziarsi il vostro atteggiamento rispetto ad una sfida diciamo ordinaria?


“Si, gli scontri in campionato li abbiamo persi ma i risultati sono bugiardi. Chi le ha viste può dire che l'andamento delle gare diceva altro... Abbiamo la possibilità di scrivere la storia di questa società e ognuno di noi darà più del cento per cento, ne sono sicuro”.


- Comunque andrà la stagione è stata un successo per l’Ussana?


“Siamo partiti senza nessuna pretesa ma dicendoci di arrivare il più in alto possibile. Strada facendo si è creato un qualcosa di importante, una grande famiglia, a partire dalla tifoseria sempre presente, passando per i dirigenti e per finire al gruppo squadra, dove tutti sono sempre pronti ad aiutarsi reciprocamente. Quindi, comunque andrà domani, sono orgoglioso di essere il capitano della San Sebastiano Ussana”.