Atletico Foligno, Ferroni: ''A Policoro per lottare fino alla fine, non vediamo l'ora di giocare''

Poche ore e si aprirà il sipario sulla Final Four di Serie A2 femminile: domani, alle ore 11, inizierà ufficialmente la fase finale di questa Coppa Italia


Non vede l’ora di scendere in campo, l’Atletico Foligno: ad attenderlo, nella prima semifinale, il Pelletterie. A confidare tutte le sue emozioni, dopo il dirigente Francesco Metelli (CLICCA QUI), il vicecapitano Maria Giulia Ferroni, tra i pilastri della squadra umbra.


“Mi viene da dire che rappresenta una premio”, esordisce la giocatrice numero sette in merito alla Final Four. “Stiamo vivendo una stagione con grande entusiasmo, conseguendo dei risultati tangibili che ci hanno permesso di arrivare a questo traguardo. Sono sicura che affronteremo questa esperienza con i piedi per terra, ma con la consapevolezza che ce lo siamo meritate e che non siamo alle Final Four per caso”.


Il clima nello spogliatoio? “È sempre una festa, in questi giorni anche più del solito… percepisco una grande trepidazione e curiosità, forse è proprio questo il nostro punto di forza: l'unione ed il supporto che ci diamo ogni giorno fa di noi una grande squadra, un grande gruppo che riesce ad affrontare una gara importante come questa cariche e con la giusta carica leggerezza, perché ognuna di noi è consapevole di non essere mai sola. Una leggerezza che non vuole dire superficialità, forse il termine più giusto è armonia. Siamo curiose di vedere cosa ci aspetta, lo vedo negli occhi delle mie compagne che non vediamo l'ora di scendere in campo!”.


Sul Pelletterie: “Prevedo una partita difficile, come tutte del resto in questa categoria. Sono le prime nel loro girone e sicuramente sulla carta sono loro le favorite, hanno una rosa con dei nomi conosciuti a livello nazionale, ma se c'è una cosa che ho imparato in questi anni è che il calcio a 5 è talmente imprevedibile da poter regalare grandi sorprese. Non andremo a Policoro per passare un week-end: abbiamo ancora tanta voglia di crescere ed è in partite come questa che ci si riesce, comunque andrà. Conosciamo la qualità delle nostre avversarie ma anche la nostra. Il percorso che abbiamo fatto fino ad oggi ci ha dato consapevolezza delle nostre capacità e quindi le affronteremo con la giusta motivazione, con la certezza che sarà un'esperienza bellissima da portare per sempre nel nostro bagaglio/ borsone”.


Maria Giulia è all’Atletico Foligno dai tempi della promozione in A2, ed è naturalmente soddisfatta di questa ottima stagione, sia a livello personale che collettivo: “Mi viene da sorridere, sinceramente ero partita un po' scarica ma sono stata subito travolta da un vortice esaltante: l'approccio e l'intensità degli allenamenti, il clima nello spogliatoio, i sorrisi della società... Nessuno si aspettava un anno così, è stato un susseguirsi di emozioni e consapevolezze sia personali che collettive, che ha portato risultati e una grande carica a noi giocatrici ma anche a tutta la società e alla città. Arrivate a questo punto abbiamo voglia di fare bene. Il percorso è sempre andato in crescendo: nella seconda fase del campionato abbiamo avuto qualche difficoltà in più, ma non per questo abbiamo mai avuto l'intenzione di mollare. Credo sia normale avere fasi di up e fasi di down durante la stagione, siamo diventate molto brave a gestire le situazioni difficili perché il nostro è un gruppo che ha avuto modo di consolidarsi proprio grazie ai "momenti no" degli anni passati. La vittoria contro il Molfetta è la testimonianza di una grande reazione. Ora siamo in gioco e vogliamo giocarcela fino alla fine”.


Valentina Pochesci

Foto @Atletico Foligno (al centro, Ferroni)


COPPA ITALIA SERIE A2 FEMMINILE