breaking news New

24/01/2021 21:50

Bitonto in versione extra-large: Othmani ne fa cinque, perentorio 16-1 interno alla Woman Napoli

Ieri pomeriggio, al “Paolo Borsellino” ancora off-limits ai tifosi, doveva andare in scena con un film con un copione ben preciso. La vittoria della Polisportiva Bitonto contro il fanalino di coda Woman Napoli, e pure con un divario di reti non indifferente.


Bene, nella tensostruttura bitontina è andata proprio così. Le leoncelle, seconde in Classifica e in forma smagliante, hanno fatto in pieno il proprio dovere sommergendo di reti, ben 16, le campane in una gara, soprattutto nel secondo tempo, dove la differenza di qualità è stata a dir poco notevole.

Oltre al punteggio e alla vittoria, tanti i motivi per sorridere per il timoniere Michele Pannarale. Nessuna calcettista è finita ko – a parte Grecia Fontela, ai box da due settimane –; l’intera rosa (eccezion fatta per il portierone Gabriella Tardelli) è stata utilizzata; Cristina Caciorgna e Marfil Errico stanno prendendo sempre più confidenza con la rete; Filomena Othmani si è ripresa perfettamente dal brutto pomeriggio del 13 gennaio a San Giovanni in Fiore, quando è finita in ospedale trasportata in ambulanza.


Siamo sicuri, però, che lo zelante mister neroverde – sono 35 le partite utili consecutive tra Fasano e Bitonto, per una serie iniziata il 10 febbraio 2019 -, non sia rimasto troppo soddisfatto del primo tempo delle sue, chiuso sì avanti 5-1, ma con ritmi troppo blandi, compassati, e non pochi errori davanti alla porta e di giro palla. Ecco, questo aspetto è forse l’unico neo della Polisportiva di ieri.


La contesa – come spesso accade quando si parla di Bitonto – ha poco da dire se non registrare le reti. Cinque quelle messe a segno da Othmani, che sale a 12 marcature stagionali. Poker, invece, per Cristina Caciorgna, che invece di reti ne ha totalizzate nove. Doppiette, invece, per Marfil Errico (otto per lei), Valeria Valenzano (otto anche per lei) e Alba Diaz, che invece nella classifica marcatori si attesta a sei reti. Un solo squillo – notizia incredibile, questa – per Brenda Moreira, che consolida il sentirsi lepre tra le bomber del girone D con 33 reti in cascina. Per il Napoli, invece, l’unico sussulto è stato quello di Strisciante.

La goleada è servita. Utile per aggiornare i numeri di questa Polisportiva: ottava vittoria consecutiva, decima in 11 partite. Secondo posto con 31 punti, a -3 dal Molfetta battistrada ma con due gare in meno. Miglior attacco con 104 reti, e miglior difesa con soltanto dieci gioie concesse alle avversarie. Ed è pure neroverde il miglior rapporto punti realizzati-partite disputate con 2,8.


Domenica c’è un crocevia fondamentale per la stagione. Mariagiovanna Tempesta e compagne faranno visita alla capolista Molfetta, che tra le mura amiche ha sempre vinto finora.

È la sfida tra le compagini più forti del Campionato, dove non ci sarà un solo attimo di tregua. 

Nel frattempo, comunque, il Bitonto dedica la vittoria di ieri a Nicola Castro e a tutta la struttura di “Villa Giovanni XXIII”, che negli ultimi giorni stanno passando momenti difficilissimi a causa di un numero elevato di contagi da Covid 19 tra pazienti e operatori sanitari all’interno della casa di riposo.


Tutto secondo copione al "Paolo Borsellino". Il Bitonto, seconda della classe, supera il fanalino di coda e lo fa, come ampiamente prevedibile, con una pioggia di reti. Finisce 16-1 la contesa. Protagonista assoluta Filomena Othmani a segno ben cinque volte (sale a 12 in Classifica), seguita a ruota da Cristina Caciorgna con un poker. Nel tabellino anche Valeria Valenzano, Alba Diaz e Marfil Errico (doppietta per loro), e Brenda Moreira. Con questa goleada, il Bitonto tocca quota 104 reti in Campionato, di gran lunga davanti a tutti.

Ottava vittoria consecutiva per la banda di mister Michele Pannarale e 31 punti in Classifica, sempre a - 3 dal Molfetta. E domenica scontro diretto in casa della capolista.




Ufficio Stampa Bitonto