breaking news
  • 17/10/2021 20:14 Serie A, Ciampino Aniene-Vitulano Drugstore Manfredonia 3-0 nel posticipo della Sky Arena
  • 17/10/2021 20:00 Serie A2F, girone C: Atletico Foligno a punteggio pieno, battuta la Nox Molfetta per 2-0
  • 17/10/2021 19:56 Serie A2F, Sabina Lazio e Pelletterie a punteggio pieno nel girone B dopo la 2ª giornata
  • 17/10/2021 19:55 Serie A2F, Castellammare e Irpinia al comando del girone D dopo la seconda giornata

22/09/2021 18:04

Catta si è già preso la Domus Chia: ''Mi ricorda Santadi, questo è l'ambiente giusto per lavorare''

Dopo due anni Luca Catta è tornato in sella. La chiamata del Domus Chia è giunta dopo pochi giorni dall’inizio della preparazione: Catta era già stato in ballo per sedersi sulla panchina della matricola isolana della cadetteria, quando poi la scelta della società è andata su Alessandro Piras, da domenica scorsa ex allenatore. Catta ha iniziato a guidare la squadra con la seduta di lunedì sera.


“La chiamata? Sinceramente non me la aspettavo - ha confidato Catta. - Ma non stavo cercando onestamente nessuna panchina, venivo dalle esperienze con la Leonardo e a Monastir che non erano state granché positive. Questa Domus, invece, si assomiglia moltissimo a quella che era la realtà di Santadi. A me le persone genuine piacciono, che ti permettono di lavorare in ambienti tranquilli dove ci si trova maggiormente ad agio”. 


- Sensazioni dopo i primi allenamento?


“Sono molto contento, mi piace vedere gente che sorride e che si diverte. Ho avuto gran belle sensazioni. E’ una realtà che ripeto mi piace molto, quando sto con persone che stimo sto bene”.


- Che stagione sarà per la Domus quella che riporterà il club in campo nazionale dopo tanti anni di assenza?


“Per le aspettative ancora non saprei dire, è una squadra che conosco ma credo che per dare un giudizio occorra un po’ di tempo perché bisogna confrontarsi con una realtà diversa e nazionale. Si sa che quando parti in aereo perdi un pochino delle tue capacità in percentuale. Però sono fiducioso, i ragazzi li vedo sempre molto attenti e con voglia di crescere. Questa cosa mi fa ben sperare”