breaking news

11/01/2022 20:42

CCC CoArsa, una vittoria che ha portato punti e morale. Serra: ''Prepariamoci a un grande ritorno''

Il CCC CoArsa risale verso le zone meno torride e la vittoria sull’Avis Isola è indubbiamente una bella iniezione di fiducia per gli uomini di Gianmarco Serra, che hanno disputato una partita quasi perfetta, consentendo solo un timido ritorno agli avversari nel corso della ripresa. Nel complesso ottime indicazioni per mister Serra sullo stato di salute del gruppo al ritorno dopo la sosta.


“E’ stata comunque una partita complicata, in primis perché venivamo da un periodo in cui ci siamo allenati e non avendo giocato per tre settimane qualcosina avremmo potuto pagarla, e non sapevamo come avremmo potuto approcciare la gara. E’ stata una prova buona nel primo tempo, mentre nel secondo tempo abbiamo sofferto, ma siamo stati comunque bravi nel farlo: anche questa è una dote che bisogna abituarsi ad avere in questo campionato in quanto ci sono squadre di grande livello”. 


Il calo di tensione nella ripresa che ha permesso all’Avis Isola di rientrare in corsa?


“Gli avversari sono tornati in partita per loro merito, ma anche perché noi qualcosa stavamo pagando e stavamo commettendo degli errori soprattutto in fase difensiva. Però siamo contenti e soddisfatti, questi tre punti sono un bel premio per noi che non abbiamo mai smesso di lavorare nonostante, durante le vacanze natalizie, ci siano sempre un po’ di difficoltà. Una vittoria che vale davvero tanto”.


CCC che al prossimo turno riposa: al giro di boa era fondamentale arrivarci con un successo e per questo la soddisfazione di Serra è maggiore.


“Era importante vincere per dare continuità di risultati. Sabato prossimo riposiamo e affrontare due settimane di lavoro con il peso di una sconfitta sarebbe stato difficile da sopportare, invece così possiamo stare più sereni. Adesso cercheremo di recuperare qualche ragazzo e faremo un lavoro un po’ più specifico per prepararci a disputare un bel girone di ritorno. E salvarci”.







Foto: Elena Accardi