Città di Fiore, Federico: “Passare il turno col Megara Augusta era un’utopia, ma abbiamo meritato”

Dopo l’impresa del PalaJonio il Città di Fiore ha fatto il bis. Il 5-5 ottenuto sul campo amico contro il Megara Augusta vale la qualificazione ai quarti di finale della Coppa Italia di Serie C1, dove affronterà il Noci. A fine gara il commento del mister calabrese, Umberto Federico, raggiante per lo storico traguardo raggiunto dai suoi.

“Passare il turno contro il Megara Augusta era un’utopia alla vigilia. Ci servivano due imprese sportive e siamo stati bravi sia all’andata sia al ritorno nel riuscirci, contro una squadra fortissima. Hanno giocatori che non c’entrano nulla con la C1, non ho mai visto un giocatore come Sparagnini. Questo ci conferma ciò che dico da inizio stagione. Contro le squadre più forti di noi tiriamo fuori qualcosa di più, mentre non ci riusciamo contro le altre compagini di pari livello. Questo può essere un pregio da una parte, ma un difetto dall’altra, aspetto negativo appunto per il nostro campionato”.

Il tecnico rinnova i complimenti agli avversari.

“Rinnovo i complimenti al Megara Augusta. Giocano a memoria, con un 4-0 che si può fare soltanto con i giocatori idonei. Vederli giocare è uno spettacolo unico. Credo che alla fine abbiamo meritato di passare il turno, senza nulla togliere ai nostri fortissimi avversari”.

 

CLICCA QUI PER IL VIDEO COMPLETO