breaking news
  • 14/05/2021 22:44 Serie A2 Femminile, playout girone C: Spartak Caserta-FB5 il 23 maggio, gara-2 il 6 giugno
  • 14/05/2021 22:43 Serie A, le nuove date dei playout: Aniene-Mantova sabato 22 maggio, ritorno il 29
  • 14/05/2021 22:39 Piemonte, Serie C1: Avis Isola-Top Five 5-1 nell'anticipo della 7ª giornata di andata
  • 13/05/2021 22:44 Puglia, Serie C1: nel recupero della seconda giornata Futsal Noci-Brindisi 4-1

30/01/2021 23:00

Curallo risolve la pratica al tramonto della ripresa: l'Orange piega di misura una Domus coriacea

Una bella partita di futsal tra due compagini che hanno giocato a viso aperto per tutti i quaranta minuti della sfida. Il duello fra Surace e Celentano lo porta a casa il capitano Orange autore di una pregevolissima prestazione, culminata con il recupero sulla linea di un pallone che stava entrando.

Una vittoria importante per la squadra di casa, in debito con la fortuna e il calendario, e per di più ottenuta contro un grande avversario sceso al Palaerrebisanquirico con la volontà di imporre il proprio gioco. L'inizio del match vede gli Orange cercare la profondità con una serie di corner che cingono d'assedio la porta di Arengi, ma a poco poco sono gli ospiti ad allungare e a cercare la penetrazione veloce nella difesa dei padroni di casa, prima un colpo di tacco, poi, con un paio di bei interventi di Casalone si capisce che la partita non sarà facile. Surace su calcio d'angolo trova il pertugio nella difesa per servire Ferrari, tutto solo sul secondo palo, per un comodo tap in. Sembra un film già visto quest'anno, ma la squadra non si scompone e con pazienza cerca di ributtarsi in avanti.

Rivella ruba un pallone alla difesa e di precisione infila nell'angolino basso a metà tempo la porta avversaria. Qualche apprensione nel finale per via del computo dei falli, ma si va al riposo con la divisione della posta. Arrembante la Domus a inizio ripresa che pressa alto e costringe spesso al fallo laterale gli Orange, ma poi anche Cannella, Itria e Rivella con Morrone a fare da sponda creano qualche grattacapo alla difesa della Domus. Partita maschia e che aumenta di intensità, Cannella e Ongari finiscono sul taccuino dell'arbitro, Celentano si immola per respingere un colpo di testa sulla linea e mentre la Domus sta attaccando a pieno organico, Cannella recupera una palla in difesa e lancia Curallo in contropiede, il giovane astigiano resiste alla carica del difensore e sull'uscita del portiere incrocia l'angolino basso.

Esplode la panchina che si scioglie in un abbraccio collettivo. Mancano 129 secondi alla fine e sugli assalti col portiere di movimento la difesa regge e Patanè si porta a casa tre punti fondamentali. Ma non c'è tempo per rifiatare, sabato occhio al derby contro Nizza in trasferta, partita sicuramente dalle forti emozioni