breaking news

20/06/2022 23:32

E' un Benevento tutto da reinventare: via il gruppo storico, da Nitti ecco Arvonio e Montefalcone

Una cosa è certa: Lorenzo Nitti avrà ben poco tempo per (metaforicamente parlando) girarsi i pollici, per a Benevento c’è una rosa da ricostruire che rinascerà dalle ceneri di quella squadra che nell’ultimo biennio è prima volata in A2 vincendo i playoff cadetti (senza dimenticare la storica partecipazione alla Final Four della Coppa Italia cadetta) e poi ha conquistato quelli di seconda divisione uscendo per mano della Fortitudo Pomezia poi promossa in Serie A.

Nitti, insomma, avrà il suo bel daffare per mettere a posto tutti i reparti. Probabilmente l’unico a non soffrire particolarmente dovrebbe essere quello dei portieri, considerato che alla partenza di Mateus corrisponderà l’arrivo di Germano Montefalcone, dato molto vicino a chiudere l’accordo.

Alquanto complessa sarà la ricerca di un sostituto in grado di non far pesare la mancanza di Botta ma è un po’ tutto il collettivo che avrà bisogno di un adeguato maquillage. Volonnino e Stigliano hanno già preso la strada di Sala Consilina, anche Di Luccio è in partenza, Galletto ha di fatto chiuso con il Real San Giuseppe e Mejuto ha seguito Mateus bella nuova avventura romana con lo Sporting Hornets.

Al momento ha firmato il rinnovo il solo Brignola e di sicuro c’è il rientro nel Sannio di Arvonio dopo due anni di Serie A con Nitti a Matera. Siamo solo all’inizio delle contrattazioni, ma la domanda che ci si pone è lecita: quale volto avrà il nuovo Benevento?