breaking news

10/06/2021 09:10

Fornari, l'orgoglio non è bastato. ''Siamo stati sfortunati''. Radio-mercato: lo vuole la Fortitudo

Una tripletta, in fin dei conti inutile. Tre gol che stavano però dipingendo una gara-2 del tutto favorevole al Syn-Bios Petrarca: Jader Fornari, il grande ex di turno, attesissimo dal pubblico del PalaSele di Eboli, da quella che era stata la sua tifoseria, ha marcato il match con la Feldi firmando tre gol che però non sono bastati ai padovani di Giampaolo per proseguire la serie e portarla a gara-3. Ma alla fine della partita, il 4-4 fa trasudare più orgoglio o delusione.


“Sicuramente ci abbiamo messo tanto orgoglio - risponde Jader - perché dopo la prima partita, in cui è girato tutto male, dovevamo dare un segnale a questo quarto di finale, non volevamo uscire in nessun modo. Peccato che loro sono riusciti a segnare il 4-4 nel finale, ma comunque voglio fare i complimenti a tutta la squadra che ha dato l’anima, ha dato tutto, non ha mai mollato fino alla fine”.


Ma che è stata anche un po’ sfortunata. Proprio Fornari, sul 3-1, ha colto un palo clamoroso che avrebbe potuto segnare definitivamente la gara. E il gol del 4-4 è stato davvero rocambolesco, a mezzo giro di lancette dalla sirena.


“Un po’ di fortuna in quel frangente loro sì, l’hanno avuta. Stavamo difendendo bene, l’ultima palla è rimasta lì, peccato veramente, dispiace che per noi sia finita così, una peccato. Complimenti all’Eboli che va in semifinale”.


E quella del PalaSele potrebbe essere stata l’ultima partita di Jader Fornari con la maglia del Petrarca. Il contratto che lega il pivot brasiliano al club di Paolo Morlino scadrà il 30 giugno e i club che vorrebbero giovarsi delle sue prestazioni si sarebbero già messi in fila. Tra questi, sembra che la Fortitudo Pomezia, neo-promossa in Serie A2, abbia messo sul piatto il progetto più interessante: il prossimo primo luglio Jader si trasferirà nella cittadina alle porte di Roma?


Il suo posto, però, sarebbe già stato rimpiazzato da patron Morlino con Carlos Augusto Kakà, in uscita dalla Sandro Abate, che molti addetti ai lavori danno per certo in bianconero.