breaking news

22/01/2021 14:41

Il Lecco lancia la sfida al Cagliari. Parla capitan Iacobuzio: "In casa vogliamo vincerle tutte"

Appuntamento al PalaTaurus sabato pomeriggio alle ore 16 per i blucelesti di mister Pablo Parrilla. Nella seconda giornata di ritorno del girone A di Serie B il Lecco riceve il Cagliari per continuare la sua scalata in classifica dopo i tre successi consecutivi lontano dalle mura amiche. Un match importante per vendicare la sconfitta patita in Sardegna nella gara di andata, chiusa sul punteggio di 8-7. Stagione particolare quella dei rossoblù cagliaritani sino ad ora, capaci di vincere le prime due partite disputate, incappando poi in rinvii e sconfitte, tanto da non muovere più la classifica proprio dalla sfida contro i lecchesi data 24 ottobre.

Alla sfida potrebbe partecipare anche Diego Scarpetta, laterale brasiliano che a inizio gennaio si era trasferito alla Pescara di Serie A, riuscendo a trovare sempre più spazio in campo e consensi a livello tecnico, ma dovendo fare i conti con il proprio cuore, troppo legato all'ambiente lecchese diventato per lui una vera e propria famiglia. Scarpetta è così tornato a vestire la maglia bluceleste e sarà sicuramente una pedina importante per mister Parrilla.

A presentare la sfida in chiave bluceleste è il capitano Francesco Iacobuzio.

"L'andata era stata una partita strana. Era la nostra prima gara stagionale ed eravamo stati bravi a recuperare il loro vantaggio iniziale portandoci sopra, poi purtroppo nel finale ebbero la meglio loro. Ora siamo molto più rodati e più uniti, non sarà facile batterci. In più giochiamo in casa e al PalaTaurus vogliamo vincerle tutte. Il Cagliari, a parte il capitano Serginho, è una squadra giovane, lui è il loro punto di riferimento e dovremo essere bravi ad arginarlo".

Lecco che con un bottino di 11 punti in sei partite disputate può ritenersi soddisfatto, ma la voglia di crescere è ancora tanta.

"Per via del Covid abbiamo giocato poche partite. Nelle prime tre abbiamo buttato via punti per colpa nostra, poi ci siamo dovuti fermare a causa dei contagi nel nostro gruppo squadra e quello ci ha dato la scossa per vincere le successive tre trasferte perché stando fermi avevamo veramente tanta voglia di giocare" conclude il numero 14 bluceleste. 


Ufficio Stampa Lecco