breaking news
  • 21/10/2021 09:52 Serie C1 Calabria: Sensation Profumerie-Cataforio 0-6 a tavolino

20/05/2021 16:31

Arzignano, la carica di Molaro: ''Voglio ripagare la fiducia, contro l'Active ci sarà equilibrio''

Dopo aver visto sfumare la promozione diretta all'ultimo miglio, l'Arzignano sta affrontando questi playoff per provare a ritrovare la massima serie del futsal italiano: per il momento la missione è perfettamente riuscita, anche se con il passare dei turni, si alza il livello di difficoltà. 

La formazione biancorossa si sta preparando alla semifinale contro l'Active Network di David Ceppi, capace di eliminare nei quarti il Ciampino Anni Nuovi, che aveva chiuso il girone B alle spalle dell'Olimpus. Nella finestra di mercato invernale, in casa Arzignano, è arrivato Antonio Molaro, che dopo aver smaltito un piccolo infortunio si sta prendendo la scena. Il laterale aveva iniziato la stagione in maglia CDM Genova, facendo ottime cose, poi ha deciso di riabbracciare la causa biancorossa per provare la promozione in Serie A. E' proprio Antonio Molaro a fare il punto sullo stato della squadra. 

"Purtroppo tutti sanno come è andata la gara finale della regular season, purtroppo questo sport è stupendo anche per questo, ma allo stesso tempo ti butta giù. Ci siamo rialzati subito, da grande squadra, facendo capire quanta voglia abbiamo di lottare e quanta rabbia abbiamo accumulato. Qui ho trovato un ambiente stupendo, con tanti ragazzi che conoscevo già. Mi sono ambientato subito, anche se ho dovuto aspettare a causa di un piccolo infortunio. A tal proposito colgo l'occasione per ringraziare la società che non mi ha fatto mancare nulla. Spero di continuare a ripagare la fiducia cercando di arrivare il più lontano possibile".

Come detto il prossimo ostacolo da superare è l'Active Network. 

"Non sarà di certo un avversario facile - continua - una squadra preparata che corre molto, composta da giocatori bravi ed esperti. Mi aspetto una partita equilibrata sabato e sono sicuro che sarà uno spettacolo sia giocarla, sia purtroppo vederla da casa". 



esp.