Italservice, Scarpitti può sorridere due volte: è fatta per Dener. E Dalcin ha detto 'sì' a Munzi

L’operazione-Dener si può dire che di fatto è stata condotta in porto e il prestante pivot di Curitiba (nella foto in gallery) si appresta a preparare le valigie per tornare in Italia. Destinazione, come avevamo scritto lo scorso 23 giugno (LEGGI QUI) Pesaro e quell’Italservice che Nicola Munzi sta ridisegnando nei fatti sulla bozza presentatagli dal nuovo allenatore Fausto Scarpitti. E nell’attesa che per l’ex Latina e Came Dosson, visto all’opera nella seconda parte dell’ultima stagione con la maglia del Levante in Primera Division della Liga, arrivi l'ufficialità, proprio Scarpitti ha invocato che si sbrogliasse un’altra matassa. Ottenendo la risposta richiesta.


DALCIN NON SI MUOVE DA PESARO - Qual era la richiesta avanzata dal tecnico molisano che dopodomani si insedierà ufficialmente sulla panchina rossiniana? Che Duda Dalcin (nella foto di copertina) restasse a Pesaro, indipendentemente da ogni tipo di richiesta od offerta. Considerato un giocatore basilare per le sue caratteristiche e la sua duttilità, alla fine Scarpitti ha visto esaudita la sua volontà e Duda non lascerà il capoluogo delle Marche, restando alle dipendenze del sodalizio che da qualche settimana è tornato a condurre Carlo Mercantini, ma con sempre Lorenzo Pizza in prima linea.


Dener più Dalcin: a giorni (forse ore) la doppia ufficialità. Poi il tempo di sistemare qualche situazione riguardo i giovani da aggregare e l’Italservice della rinascita è pronto per salpare verso lidi ambiziosi.








Foto: Baioni


Galleria