breaking news

29/12/2020 23:00

L'Acqua&Sapone ritorna al successo: un ko a testa alta per una Meta generosa

Sette gol per riallacciare il filo con la striscia di vittorie interrotta due partite fa. L’Acqua&Sapone batte il Meta Catania 7-3 e chiude il girone d’andata al primo posto solitario nonostante una gara ancora da recuperare (il 23 febbraio 2021 contro il Real San Giuseppe).

LA CRONACA - Alla prima occasione, i nerazzurri capitalizzano: angolo di Murilo, Fusari sbuca in area e sblocca la partita. Il trentino replica pochi secondi dopo e firma la prima doppietta in maglia Acqua&Sapone. Ma il Meta c’è e approfitta della prima chance utile per accorciare con Rossetti.

Partita vivissima e senza respiro. Messina potrebbe pareggiare ma non indovina il tap in a porta vuota. I siciliani spingono e Mammarella ci mette la faccia per evitare il 2-2: tremenda pallonata sul volto per il numero uno, che deve lasciare il posto a Mambella per alcuni minuti e farsi medicare. Quando il portierone riprende il suo posto in campo, trova i compagni avanti sul 3 a 1 grazie al tocco sotto porta di Lukaian, facilitato da una gran giocata di Calderolli.

Un tacco da cineteca di Venancio permette ancora al Catania di avvicinarsi, mentre Sanz evita il poker di Lukaian. Il finale di tempo è incandescente e pieno di ribaltoni. Gui s’avventa su un pallone all’apparenza già morto e lo trasforma nel poker nerazzurro tra le proteste ospiti (chiedevano fallo sul portiere in uscita). Passano pochi secondi e di nuovo i siciliani accorciano con un tiro libero generoso concesso di Minichini, realizzato da Venancio. Sulla sirena, una traversa di Coco dice no al quinto gol dei ragazzi di Scarpitti.

L’uno-due letale che indirizza definitivamente la partita arriva nel 2’ della ripresa. Rafinha prima e Coco poi mandano ko il Meta, che comincia a sentire la fatica e non è più pericoloso come nel primo tempo. I minuti scorrono veloci e i nerazzurri mancano almeno due occasioni limpidissime per prendere il largo. A 6’ dalla sirena, Samperi gioca la carta portiere di movimento con Messina, ma la mossa non paga. Etnei che perdono anche Suton, espulso, e subiscono il 7 a 3 finale di Coco, fortunato a deviare con la schiena un rinvio avversario nella porta di Ricordi.

ACQUA&SAPONE–META CATANIA 7-3 (pt 4-3)
ACQUA&SAPONE: Mammarella, Patricelli, Marrazzo, Fusari, Murilo, Calderolli, Coco Wellington, Gui, Mambella, Fior, Misael, Rafinha, Dudu, Lukaian. All. Scarpitti.
META CATANIA: Ricordi, Dovara, Sanz, Messina, Rossetti, Silvestri, Venancio, Suton, Baisel, Tomarchio, Josiko, Musumeci. All. Samperi.
ARBITRI: Minichini di Ercolano, Marangi di Brindisi, Di Battista di Avezzano. Crono: D’Ignazio di Avezzano.
MARCATORI: pt 1’49’’ e 2’44’’ Fusari (A), 3’32’’ Rossetti (MC), 5’55’’ Lukaian (A), 11’10’’ e 18’37’’ Venancio (MC), 18’15’’ Gui (A), st 1’17’’ Rafinha (A), 1’37’’ e 19’30’’ Coco Wellington (A).
NOTE: espulso Suton (MC) per doppia ammonizione; ammoniti Rafinha (A), Ricordi (MC)

Ufficio stampa e Comunicazione Acqua&Sapone Futsal
Orlando D’Angelo