breaking news
  • 13/04/2021 17:29 Serie A2: doppio Nikao non basta, il Monastir batte la Lazio 3-2 nel recupero del girone B
  • 12/04/2021 21:27 Serie B, girone C: il Modena Cavezzo vince 4-0 il recupero di Bagnolo e torna in vetta

06/04/2021 11:55

La clamorosa decisione del Bubi Merano: ''Non si può andare avanti, ci ritiriamo dal campionato''

“Egregio Dott. Luca Bergamini,

la presente per comunicarLe la decisione della nostra società di ritirarci con effetto immediato dal campionato in corso”.


Comincia così la pec che poco fa il presidente del Bubi Merano, Antonio Calovi, ha inviato alla Divisione Calcio a 5 per manifestare ufficialmente la dolorosa scelta adottata dal suo club  di porre fine anticipatamente alla sua esperienza nel campionato di Serie A2 2020/2021. Una decisione amara ma che appare essere la soluzione inevitabile davanti ad una situazione non solo incredibile ma decisamente insostenibile come quella che ha interessato la società bolzanina e riguardato direttamente la formazione giallorossa.


Una decisione che il sodalizio meranese ha spiegato nel comunicato stampa pubblicato pochi minuti fa sulla pagina di facebook del club, che riportiamo integralmente.


IL COMUNICATO UFFICIALE - E’ una decisione forte, presa già durante la scorsa settimana ma che si sperava di evitare se fosse stato cambiato un calendario che ci è stato imposto ed è stato mantenuto in una forma che non è più possibile affrontare. Società, staff e giocatori hanno voluto tutti insieme andare avanti fino ad ora con grandissimi sacrifici nonostante innumerevoli difficoltà, disputando un campionato ormai da tempo falsato in tutti i suoi aspetti, ma ora davvero si è arrivati all’esasperazione.


Da oggi infatti inizierebbe un tour de force assurdo e inaccettabile, che sottoporrebbe i giocatori a rischi altissimi di infortuni (abbiamo già perso due pedine importanti) dopo aver ripreso da poco dopo un mese completo di inattività dovuto alle ordinanze provinciali. Gli impegni lavorativi, in un periodo storico in cui chi ha un posto di lavoro non può rischiare di comprometterlo, non consentono di liberare gran parte dei giocatori per partite programmate ogni 48 ore (da oggi sarebbero state 7 partite in 15 giorni!) per cui, considerando tutti questi aspetti, con enorme dispiacere siamo costretti per questa stagione ad alzare bandiera bianca.


Con la consapevolezza di aver deciso in piena coscienza per il bene dei propri tesserati e con il loro appoggio, ci rivedremo ai nastri di partenza della prossima stagione con nuovi stimoli e nuove energie!