Le giocate di Ortiz non bastano: finisce con un beffardo ko il debutto in A2 delle Aquile Molfetta

Comincia con una sconfitta beffarda il campionato in A2 delle Aquile Molfetta del presidente Donato De Giglio. I ragazzi di mister Recchia, privi di Antonio Murolo, al termine di una gara in cui avrebbero meritato di più hanno dovuto capitolare, a poco più di 5’ dal termine, per 8-6. Gli ospiti sipontini sono apparsi sicuramente più esperti e con rotazioni più ampie, abili a capitalizzare al meglio la quasi totalità delle occasioni costruite. I biancorossi sono costretti a recitare il mea-culpa per gli errori decisivi in fase difensiva e sicuramente il “black out” di 3’, dal 15’ al 18’, della ripresa, ha pesato tantissimo in una categoria in cui i dettagli fanno la differenza. 


Sipontini avanti per primi con la punizione calciata da Murgo, poi ribaltano i molfettesi con Reyno e Dibenedetto prima del 2-2 ospite dell’intervallo firmato da Fred. Ripresa con gli uomini di Recchia che si spingono sino al 5-3 con la doppietta di Reyno e Adami, poi arriva il ritorno dei biancocelesti che ribaltano il match sino a condurlo 5-7. Nel finale botta e risposta, ma sono i sipontini a portare a casa i tre punti con la tripletta complessiva di Fred e le reti di Mura, Neto, Baranauskas, e Lupoli. Sul fronte molfettese arriva anche la doppietta di Dibenedetto sul finale, da sottolineare la grande prova di capitan Ortiz autore di quattro assist geniali.


PRIMO TEMPO - Il quintetto iniziale scelto da mister Recchia è composto da: Strippoli tra i pali, Adami, Ortiz, Reyno e Salvatore Dibenedetto. Fred da banda destra sfiora il palo e Mura al 3’40’’ sigla il vantaggio da calcio di punizione. Le squadre si affrontano a viso aperto: Pozzo risponde con un grande intervento su Dibenedetto e Strippoli nega la gioia del gol a capitan Fred. Dopo il time-out richiesto da mister Recchia, le Aquile alzano il baricentro infatti Adami colpisce subito il palo dalla distanza e Dibenedetto trova ancora la risposta di Pozzo. I padroni di casa non demordono spinti dal grande pubblico e in 25’’ ribaltano il risultato: 13’54’’ Reyno con freddezza non sbaglia (assist Ortiz) e Dibenedetto tocca sotto porta siglando il vantaggio ancora super assist di Ortiz. La beffa per le Aquile arriva a 6’’ secondi dal termine della prima frazione visto il gol di Fred: si va negli spogliatoi sul punteggio di 2-2.


SECONDO TEMPO - Ripresa di gioco in cui Pozzo è subito determinate sul diagonale di Reyno ed ancora lo spagnolo in maglia numero 10 al 1’17’’ non perdona e sigla nuovamente il vantaggio del Molfetta: terzo assist telecomandato di un sontuoso capitan Ortiz. I garganici, dopo un gran possesso palla del Molfetta, trafiggono ancora Strippoli con Fred al 5’50’’. Strippoli risponde presente su Baranauskas e Reyno all’8’44’’ sigla la sua tripletta personale, abile sul secondo palo dopo la rimessa calciata del solito Ortiz. Biancorossi nonostante le rotazioni ristrette, difendono con intelligenza e al 12’47’’ ripartono in contropiede con Ortiz: Iessi serve in maniera esemplare Adami abile a siglare con grande freddezza il quinto goal per le Aquile. 


Sul punteggio di 5-3, in meno di 3’ gli ospiti ribaltano totalmente l’incontro con le reti di Fred, Murgo e Baranauskas rispettivamente al 15’23’’, al 16’02’’ e 17’43’’. Mister Recchia inserisce subito il quinto di movimento: Reyno spreca, Dibendetto colpisce il palo e ancora Pozzo salva i suoi su Reyno. Il Manfredonia sigla l’allungo con Neto al 18’58’’ (5-7), Dibenedetto accorcia al 19’25’’ ma Lupoli chiude il match a 1’’ dalla fine siglando il definitivo 6-8.


Nella prossima giornata le Aquile Molfetta saranno impegnata nell’insidioso match in trasferta, seconda giornata di campionato, contro la Cormar Futsal Reggio Calabria: sabato 1 ottobre con fischio d’inizio fissato alle 15,30.


Domenico Introna - Ufficio Stampa Aquile Molfetta