breaking news

12/02/2021 15:13

Mauri non teme il confronto con la L84: "Abbiamo voglia di tornare a vincere, saremo agguerriti!"

I Saints si preparano ad ospitare quella L84 che nel girone di andata detronizzò la squadra di Lemma e di fatto offuscò il sogno meratese di poter concorrere per le altissime quote del girone A di seconda divisione. Saints che comunque restano tra le formazioni più imprevedibili: per i torinesi, dunque, campanello d’allarme che suona molto forte. C’è anche da dire che la L84, pur godendo di grandi accrediti, ancora non ha dato quel taglio al campionato che tutti si aspettavano. Significa che il torneo è più equilibrato di quanto ritenuto? 


“Ritengo la L84 la squadra più completa e forte del campionato - ribatte capitan Luca Mauri. - È anche vero che ci sono diverse altre squadre molto forti e attrezzate. È vero non han dato quello strappo al campionato che dicevi, anche perché l’ultimo periodo non è stato felicissimo per loro a livello di risultati. Saranno agguerriti ma del resto sabato lo saremo anche noi, visto che arriviamo da un momento un po’ difficile a livello di risultati e abbiamo voglia di tornare a vincere, soprattutto tra le mura amiche”


- Flashback sul derby di Gorgonzola. Una sconfitta figlia di una prestazione che possiamo definire non all'altezza? Vi aspettavate di dare di più contro il Milano e quali sono stati secondo te gli aspetti che hanno determinato il risultato?


“Sicuramente è stata una prestazione non particolarmente bella. Ci tenevamo molto a vincere anche perché era, ovviamente, un derby, ma non siamo riusciti a fare ciò che avevamo preparato. Loro hanno messo in campo molta più grinta e molta più voglia di vincere, su ogni contrasto, su ogni palla dubbia ci arrivavano sempre loro. Abbiamo avuto solo un buon momento durante il secondo tempo per poter cercare di riaprirla, ma non siamo stati bravi a segnare in superiorità numerica e a quel punto non c’è stato niente da fare. Una sconfitta meritata”.


Che comunque non va a intaccare né il buon percorso fatto fin qui dal quintetto di Lemma, tanto meno gli obiettivi da raggiungere posti dalla società. Però quel primo posto toccato con mano vi ha portati a credere che i Saints se la sarebbero potuta giocare anche per traguardi più importanti?


“Il fatto di essere al primo posto in un determinato momento dell’anno non ha assolutamente cambiato niente nella nostra testa, anche perché si, all’epoca avevamo più punti di tutti, ma è anche vero che avevamo parecchie partite in più di tutti. E infatti siamo gli unici ad aver disputato tutte le partite finora. Il nostro scopo, insomma, non è cambiato di una virgola, tanto allora quanto oggi”.







Foto: Marco Dughetti