Megara Augusta, contro la capolista non riesce il colpaccio: il Catanzaro sbanca il PalaJonio

Il Catanzaro espugna il PalaJonio per 3-2 e vede vicinissima la promozione in Serie A2. Peccato per il Megara che, pur andando sotto di tre reti, ha reagito forse però in maniera tardiva, realizzando due gol nell’ultimo minuto che non sono bastati ad evitare il ko interno.

PRIMO TEMPO – Partita sin dai primi minuti di gioco vibrante su entrambi i fronti. Padroni di casa che subiscono a freddo, dopo due minuti, la rete del Catanzaro con Spagnolo, che spizzica un tiro di Monterosso. Al 15’ i neroverdi reclamano una spinta da dietro, non punita però dall’arbitro. È ancora Spagnolo, il più cercato dai suoi compagni, ad impensierire Guilherme che prima sventa, ma poi capitola sullo stesso Spagnolo il quale realizza il raddoppio ospite, su assist di Ecelestini. 

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre con le proteste della panchina di casa, per un fallo non rilevato ai danni di Passanisi, lanciato a rete, ostacolato da Monterosso. Al 14’ un errore in mediana consente gli ospiti di ripartire in contropiede; da Amendola a Iozzini che fa tris per i calabresi. 

Negli ultimi minuti di gioco il Megara Augusta si getta in avanti anche con il portiere Guilherme nel tentativo di accorciare lo svantaggio. Il pressing dei padroni di casa porta i frutti sperati, con Caminero che si accentra e sorprende Rotella per l’1-3. Trascorre poco meno di un minuto e capitan Passanisi irrompe in area di rigore portando i suoi sul meno uno. Partita riaperta ma punteggio che non cambierà più fino alla sirena conclusiva. Al Catanzaro i tre punti, al Megara i rimpianti…

 

Ufficio Stampa Megara Augusta