breaking news

19/05/2022 17:42

Meriense, il giovane Costa pensa già da veterano: “Che onore la B! Daremo il massimo per tenercela”

Sabato prenderanno il via anche i play-out di Serie B. Si giocheranno sfide in gara secca, chi perde ha poi un’altra chance di salvezza. Guardando da vicino il cammino della Meriense, il sorteggio non è stato benigno con i peloritani che sfideranno il Potenza in trasferta (terzultima classificata nel girone G); chi vince, ovviamente, resterà in B, chi perde, invece, dovrà disputare un ulteriore spareggio contro la perdente tra Real Terracina (girone E) e Trilem Casavatore (girone F).

Ed è una Meriense che non è riuscita ad evitare questi play-out, pur avendo dimostrato in campo di possedere i numeri per salvarsi senza spareggi, uno su tutti Adriano Mendes, capocannoniere del girone H con 40 realizzazioni. Ma la Meriense non è solo Mendes: dall’altra parte del campo c’è Danilo Costa classe 2002 che si è fatto trovare pronto quando chiamato in causa, divenendo lui, che arriva dalla C1, il riferimento tra i pali della formazione di Piscardi (dopo Pacioni, Campagna e lo sfortunato Centorrino).

“Prima di quest'anno oltre a qualche presenza in C1, avevo giocato solo in serie D. Ringrazio la società che mi ha dato l’occasione di cimentarmi in questo torneo, per me nuovo, e ringrazio tutti i dirigenti, i mei compagni di squadra e il mister per avermi fatto sentire fin da subito come a casa. In queste ultime partite, dato l'infortunio del primo portiere, Luca Centorrino, che mi ha aiutato molto e gli auguro di riprendersi presto, mi sono ritrovato a giocare e ho dato del mio meglio per provare ad aiutare la squadra, anche se a volte non è bastato. Ci attendono queste ultime sfide e tutti uniti daremo del nostro meglio e ci metteremo il cuore a prescindere da come andrà a finire”.

Come arrivate a questo match col Potenza che si disputerà al PalaPergola?

“Il Potenza è sicuramente una squadra molto forte e ben attrezzata, e come noi daranno l'anima per salvarsi. Noi in queste settimane ci siamo allenati bene e daremo il massimo, tutti uniti, per raggiungere il nostro obiettivo”.

Un vero peccato non essere riusciti a centrare la salvezza diretta, pur avendo dimostrato di potercela fare…

“Speravamo fino all'ultimo di salvarci direttamente. La nostra è una squadra che aveva tutte le carte in regola per farlo e sicuramente non meritavano questa situazione di classifica, ma purtroppo siamo stati anche molto sfortunati”.