breaking news
  • 14/05/2022 22:38 #PlayoffSerieB, Orange avanti: Sardinia sconfitto 9-0
  • 14/05/2022 11:05 Serie C1 Friuli: clamoroso, Manzano-Tarcento non disputata per... assenza degli arbitri!
  • 14/05/2022 11:04 Under 19, playoff: il Cornedo batte per 4-3 l'Arzignano e si qualifica per gli ottavi

26/11/2021 14:26

Mestre, è l'ora del big match col Pistoia. Mazzon: ''Batterli darebbe un bel segnale al campionato''

E’ tutto pronto, ormai l’attesa sale ed è questione di ore. Domani alle ore 16.00 al Franchetti prima contro seconda, Città di Mestre vs Pistoia! E’ sarà uno spettacolo sportivo da ricordare!

Sfida nella sfida per Luca Mazzon che contende a Bebetinho la palma di miglior marcatore del girone.
“Per me l’importante è il risultato di squadra, poi ovviamente se faccio gol sono più contento, come ogni giocatore offensivo”.

Risponde Mazzon come sempre obiettivo nella sua analisi.
“Sono sempre stato così, ho segnato tanto e vinto la classifica marcatori varie volte nelle squadre in cui sono stato, ma penso sempre che se segno io segna la squadra quindi il pensiero è sempre al collettivo. Vincere la classifica marcatori in Serie A2, che sicuramente è un campionato molto competitivo dove per arrivare a questi “traguardi” si deve lottare con giocatori molto forti, non è mai successo e sicuramente sarebbe una bella soddisfazione ma non ci penso, è ancora presto. Onestamente non penso neanche ad una sfida con Bebetinho, penso a me stesso e a fare bene, a segnare, a far segnare i compagni a vincere. L’importante è sempre il Città di Mestre".

Ritieni la sfida di Pistoia un primo crocevia della stagione? Vincere vorrebbe dire allungare sulla stessa Pistoia e sulla Sampdoria che osserva il turno di riposo.
“È sicuramente una partita molto importante per questo e anche per il morale. Il Pistoia le ha vinte tutte finora e batterli vorrebbe dire dare un bel segnale al campionato e a noi stessi. Però la stagione è ancora lunga per fare calcoli, noi giochiamo senza pressione e senza porci limiti. Siamo una squadra con giocatori di esperienza che sanno cosa vuol dire stare in alto e vogliamo sicuramente rimanerci più possibile, e domani lo dimostreremo in campo, ma ogni risultato che uscirà non sarà decisivo. Il girone è molto equilibrato”.

Vincere aiuta a vincere, ma c’è qualcosa di più in questo Città di Mestre? Merito dei nuovi arrivati e della crescita dei “senatori” ?
“Quest’anno credo che si sia creato un mix vincente sul campo. Siamo un gruppo di giocatori diversi e complementari. I nuovi sono molto forti e ci hanno dato una spinta notevole anche nella qualità degli allenamenti, e questo fa la differenza. Il mister è stato sicuramente bravo a lasciare che ognuno si esprimesse in modo individuale libero all’interno di un’idea di gioco collettiva, e questo, per giocatori come me ma non solo, è fondamentale. Per quanto riguarda l’apporto dei “senatori”, un anno in più di conoscenza aiuta, ma siamo tutti giocatori con esperienza di categoria quindi penso che la differenza la sta facendo il contesto all’interno del quale ci troviamo. Quest’anno ci sono le condizioni migliori per fare bene e stiamo tutti dimostrando sul campo quello che sappiamo fare”.


Ufficio stampa