Montagna, parole al miele al Potenza Picena: ''Questa non è solo una squadra, per me è una famiglia"

Ultima giornata di un girone di andata tutto sommato positivo per il Potenza Picena. Si può dire che i conti tornano a casa del presidente De Luca, anche se in qualche occasione i giallorossi avrebbero potuto ottenere di più di quanto portato a casa. Da questo punto di vista, Andrè Alvaro Montagna ritiene di essere comunque soddisfatto?

“Non abbiamo fatto male, però penso che potevamo, e possiamo, fare molto di più. Abbiamo una squadra competitiva, con alle spalle una società ambiziosa. E’ davvero un bell’ambiente”.

- Domani chiudete la prima fase del campionato a Cagli affrontando una squadra che sta lottando per salvarsi. Venite da un pareggio in rimonta con il Corinaldo a testimonianza che queste sono partite che non vanno sottovalutate. Condividi questa valutazione e che partita ti aspetti ad Acqualagna?

“Abbiamo visto che non ci sono gare facili, è un campionato equilibrato, ogni partita è una storia diversa, non si deve mai sottovalutare nessuno. Ho già giocato contro il Cagli l’anno scorso e lo so che non sarà una partita facile, però dobbiamo portarci questi tre punti importanti a casa”.

- Terza stagione a Potenza Picena: se sei rimasto vuol dire che ti trovi bene. E' così, confermi?

“Confermo mi trovo molto bene, e spero di restare qui per altre stagioni, perché per me il Potenza Picena non è solo una squadra ma è diventata una famiglia. Devo solo ringraziare la società che non mi ha mai fatto mancare nulla”.