Partinico, ai play-off con un “cecchino” in più. Giangrande: “La società merita di arrivare in alto”

 Cambiano gli anni, ma non cambia il risultato. Filippo Giangrande non riesce proprio a fare meno di segnare, è nella sua vera natura da bomber. In vista della prima giornata dei quadrangolari della Poule Promozione, sarà un ritorno importante per mister Giacalone, dopo avere scontato la squalifica.


E Giangrande, soprannominato “il cecchino”, ha concluso la regular-season sul gradino più alto del podio della classifica marcatori, con diciotto realizzazioni in nove partite disputate.

“Certamente sono contento del contributo dato alla squadra, anche in ottica play-off, ma il merito è soprattutto dei miei compagni che mi mettono sempre nelle condizioni di mantenere fede al mio soprannome (ride ndr). Nella scorsa stagione, congelata a cinque partite dal temine, avevo realizzato 33 reti in 19 presenze, dietro solo a Pizzo del Marsala. Un bottino di reti che ha portato il Caresse Partinico a sfiorare la promozione in B, a un solo punto dal Canicattì che invece ha raggiunto la cadetteria”.


Un Partinico che specialmente in attacco ha fatto vedere grandi cose con tanti giocatori capaci di “fare male” alle squadre avversarie…

“Fortunatamente in attacco abbiamo un parco giocatori molto valido e non c’è differenza tra under e senior. Tra gli under vanno citati Imperato ed Oliva, mentre tra i più esperti non hanno mai perso il vizio del gol i vari Tortomasi e Guida per citarne qualcuno”.


Se l’attacco è stato positivo, cosa invece secondo te non ha girato per il meglio tanto da farvi chiudere al quarto posto?

“Il quarto posto raggiunto è frutto di un paio di partite perse, su queste ultime disputate, peraltro di misura. Prima il 4-3 col Marsala alla ripresa della stagione e poi il 3-2 contro il Real Termini e, di conseguenza, questi sei punti disponibili hanno influito sulla classifica finale della regular-season. Tra l’altro vincere lo scontro diretto col Real Termini non sarebbe neppure bastato per chiudere al primo posto”.


Sabato inizia la poule promozione: sensazioni, impressioni, aspettative?

“Entrambi i quadrangolari del girone A sono ben amalgamati ed imprevedibili. Nel nostro ci sono anche degli allenatori importanti come Toti La Bianca ed il nostro ex, Roberto Zapparata. Ho la sensazione e l’impressione che sarà un play-off di ottimo livello agonistico e mi aspetto che il Partinico possa andare quanto più avanti possibile nella competizione. Lo merita il gruppo intero, lo meritano mister Giacalone ed il presidente Caruso per quanto fatto e dimostrato in questi cinque anni”.