breaking news

18/05/2023 16:05

Pineta, capitan Ioris si carica: “Antenore? Affrontare squadre di livello è un grandissimo stimolo”

La sfida in casa del Naonis di sabato scorso è coincisa con un falsa partenza per il Pineta nella fase interregionale dei playoff di Serie C. La sconfitta subita per mano della formazione neroverde, arrivata comunque dopo una prestazione di personalità, mette ora alle spalle al muro gli atesini, che sabato, nel secondo turno del triangolare triveneto, se la dovranno vedere con l'Antenore Padova, formazione di grande valore che ha perso la Serie C1 veneta per soli due punti, all'ultima giornata. Non sarà quindi un impegno semplice per gli uomini di mister Varignani, per l'occasione in campo al Palestra Wolf di Merano invece che al palazzetto di Laives; nonostante le possibili difficoltà della partita contro i patavini però, la personalità dimostrata quasi una settimana fa a Vallenoncello, come ci ha raccontato il capitano biancoverde Andrea Ioris, è un buon punto da cui ripartire.

"Non si è mai soddisfatti quando si perde - confessa il leader del Pineta proprio riguardo il match con il Naonis -, non abbiamo giocato la nostra miglior partita e potevamo sicuramente fare di più. Le sconfitte fanno parte del gioco, si può vincere o perdere, ma l’importante è che non manchino lo spirito di squadra e la voglia di vincere, caratteristiche presenti anche nel match di sabato scorso. Sono stati più bravi di noi e vanno fatti loro i complimenti".

- Adesso accoglierete l'Antenore: come state preparando il match e come dovrete approcciare la gara, contro un avversario noto e di livello, ma che sul campo conoscete relativamente poco? 

"Stiamo preparando il match nell'unico modo che conosciamo: allenandoci. Sappiamo che affronteremo una squadra molto preparata e di livello, ma questo non può che essere un grandissimo stimolo".

- Al di là di quello che sarà l'esito dei playoff, la vostra si può considerare una stagione da incorniciare?

"Soprattutto per come eravamo partiti quest’anno ed arrivando da un settimo posto nell’anno precedente, questa non può che considerarsi un’ottima stagione. Sono sicuramente molto soddisfatto del risultato finale, ma non la definirei da "incorniciare". La nostra voglia d’alzare un trofeo è tanta, tantissima direi. Faremo di tutto affinché quel  momento arrivi il prima possibile".


l.m.