breaking news

06/06/2021 18:56

San Marino: Fiorentino e La Fiorita vincono e volano in finale! Martedì si assegna il titolo

Il Fiorentino proverà a difendere il titolo (puntando al terzo trionfo consecutivo) e per La Fiorita sarà una prima volta assoluta in finale di campionato. Gialloblù e rossoblù sono usciti vincitori, venerdì scorso, dalle rispettive semifinali con il medesimo risultato - 2-1- ma approdando a quest’ultimo con modalità molto differenti. Il Fiorentino ha costruito il doppio vantaggio nel primo tempo e poi ha resistito al ritorno – tardivo – del Domagnano. La Fiorita ha invece stappato il match ad inizio gara, si è fatta raggiungere all’alba della ripresa ed infine ha messo k.o. il Tre Fiori a tempo pressochè scaduto, dopo una gara tirata e a tratti spigolosa.

Le finaliste di campionato sono anche coloro che hanno chiuso la prima fase del torneo da capolista dei gironi. Per questo, sia Fiorentino che La Fiorita arrivavano alle semifinali con un certo periodo di inattività alle spalle, reso ancor più lungo dal fatto che all’ultima giornata della fase a gironi – venerdì 28 maggio – entrambe erano a riposo. Più “calde”, invece, Domagnano e Tre Fiori, reduci dai quarti di finale giocati martedì 1° giugno. Nella prima delle due semifinali, buono l’approccio del Domagnano, che costruisce ma non capitalizza un paio di occasioni importanti nei minuti iniziali. Il gol di De Angelis (foto), poco oltre il quarto d’ora, scuote il Fiorentino, che poi colpisce anche un palo con Pasqualini. Lo stesso numero 10 mette la firma sul 2-0 nella parte conclusiva di primo tempo: il suo mancino incrociato, potente e precisissimo, non dà scampo a Muraccini. Nella ripresa il Domagnano prende il pallino alla ricerca del gol della speranza. Quest’ultimo arriva al 55’, ancora con Piscaglia (a segno in tutti i match post ripresa), ma quando il cronomotro è ormai fatalmente nemico degli uomini di Mussoni. Che le tentano tutte – anche il portiere di movimento – ma alla fine devono arrendersi al verdetto.

Stesso punteggio ma, come detto, modalità di approdo alla finale completamente differenti per La Fiorita. La gara inizia subito su ritmi alti, ed infatti il gol stappa-semifinale arriva dopo appena 7’: lo mette a segno Thomas Pellegrini approfittando di una respinta corta di Bizzocchi. Il Tre Fiori accusa il colpo: la manovra è prolungata ma a fatica gli uomini di Michelotti trovano il varco giusto per arrivare ad impensierire Marchetti, che solo una volta viene davvero impegnato. L’inerzia cambia ad inizio ripresa, quando un parapiglia fra Cupi e Giacomo Bernardi culmina con l’ammonizione del primo e l’espulsione del secondo, reo di aver reagito in malo modo ad una provocazione avversaria. Il Tre Fiori sfrutta pienamente la superiorità numerica arrivando al pareggio con la deviazione sottomisura di Stolfi. Ora è il Tre Fiori a schiacciare la giovane banda di Montegiardino, ma senza trovare l’acuto risolutivo. Sembra una sfida destinata quantomeno ai supplementari: invece no, perché da una palla persa dal Tre Fiori si innesca una ripartenza che Massimiliano Bernardi conduce, che Gamba prova a capitalizzare ma che infine è Zafferani, proteso in un disperato tentativo di respinta, a tramutare suo malgrado nella rete del 2-1. È il 60’. Nel recupero, il Tre Fiori non trova breccia alcuna nel fortino avversario. Trova invece un rosso, perché Cupi si guadagna il secondo giallo di serata e finisce sotto la doccia con qualche minuto di anticipo.

Martedì sarà dunque Fiorentino contro La Fiorita, per un titolo che sarà nuovamente assegnato in una finale a distanza di due anni dall’ultima volta. 

FSGC | Ufficio Stampa

FOTO ©FSGC