breaking news

15/12/2021 13:55

San Marino, in archivio la decima giornata: ruggito Folgore, La Fiorita vince e ritrova la vetta

Il Tre Fiori interrompe la lunga striscia vincente, la Folgore no. Il big match della 10° giornata fra capolista va alla formazione di Spada, che in quel di Dogana si conferma squadra incapace di fare altro se non vincere. In casa giallorossonera apre e chiude la produzione offensiva Danilo Busignani: è dell’universale con la maglia numero 9 la rete del vantaggio di Falciano, che arriva al 7’. Poi sono un acuto di Chezzi e un’autorete di Cupi a gonfiare il parziale fino al 3-0, risultato con cui le due squadre vanno al cambio campo. Ad inizio ripresa Bernardi fa poker, prima che il Tre Fiori trovi una reazione con il rigore trasformato da Gasperoni. Alessandro Casadei riporta a quattro le lunghezze di distanza, ma Simoncini replica a stretto giro di posta consentendo al Tre Fiori di continuare quantomeno ad alimentare le speranze di rimonta. Ma di lì a poco arriva il secondo centro di Busignani che mette definitivamente il sale sulla coda agli uomini di Bugli, privato nel frattempo di Simoncini per un rosso diretto che quest’ultimo guadagna una manciata di minuti dopo essere andato in gol. Al 55’ il tabellino viene aggiornato nuovamente con la rete del portiere gialloblù Angelo Casadei, giunta poco prima che Busignani fallisca dal dischetto del tiro libero la possibilità di concludere la propria serata con una tripletta.


Con la sconfitta, la prima in campionato, il Tre Fiori è costretto a registrare il nuovo aggancio in vetta da parte de La Fiorita, che nel frattempo aveva regolato il San Giovanni per 4-1. I gialloblù scappano fino al 4-0 parziale grazie ai centri di Paoletti e Bollini nel primo tempo e alla doppietta di Giuccioli nella ripresa. Tardiva la rete che Volpinari mette a segno sui titoli di coda; non basta ai rossoneri per evitare una sconfitta che di fatto spiana la strada al Fiorentino nella corsa al secondo posto, e fa anche il gioco del Domagnano, a riposo e a rischio doppio sorpasso. Invece, i Lupi si mantengono in zona play-off ma devono cedere la piazza d’onore ai campioni in carica, che sbrigano la pratica Cosmos senza particolari patemi. Sono cinque le reti che i rossoblù infliggono ai gialloverdi: Pasqualini è il firmatario del vantaggio-lampo; poi pensano Righi, Ceccoli ed Esposito a scrivere la restante parte del 4-0 con cui le due squadre guadagnano il riposo. Al pronti via della ripresa l’autorete di Mauri inguaia ancor più il Cosmos, che riesce quantomeno a sporcare il clean sheet avversario con Zanotti, ma non ad evitare un k.o. che lo fa allontanare di un altro passettino dalla zona calda del Gruppo B. Certo agli uomini di Canducci sarebbe potuta andare peggio nel caso in cui il Pennarossa avesse fatto rispettare il pronostico nell’incrocio con il Cailungo. Invece la squadra biancorossa riesce ad ottenere un solo punto nella sfida contro il fanalino di coda del Gruppo A, per di più a fatica. Poggiali indirizza il confronto verso Chiesanuova dopo 6’; il Cailungo è però bravo a ribaltarne le sorti con gli acuti di Esposito nel primo tempo e quello di Moroni in piena ripresa. La festa rossoverde per il secondo successo in campionato dopo quello d’esordio è ormai pronta a iniziare quando Giovannini interviene, al 2’ di recupero, per salvare almeno in parte la serata del Pennarossa, sempre terzo e in grado di allungare su Virtus e Cosmos, ma certo non nella misura immaginata alla vigilia.


Già, perché intanto un’altra formazione di Borgo Maggiore gioca un brutto scherzo ad una delle candidate ai play-off del Gruppo B. La Libertas sale a 9 punti grazie al 4-1 inflitto alla Virtus, in grado di mettere in campo niente più che una rete della bandiera dopo il 4-0 granata firmato quasi per intero da Giardi (tripletta per lui) e da Gabrielli. Di Toccaceli la rete neroverde. Con il terzo successo nelle ultime quattro gare la Libertas si avvicina di qualche passo alla zona play-off del Gruppo A, comunque ancora molto distante. Resta nella scia della squadra di Penserini la Juvenes-Dogana, che contro il Faetano trova il secondo successo nel torneo dopo quello di due gare fa contro il Cailungo. Tutto facile per gli uomini di Zonzini nella sfida all’unica formazione finora senza vittorie: il 4-0 viene inaugurato al 21’ da Lorenzo Bacciocchi, raggiunto nel tabellino, nel secondo tempo, da Giardi e da Zonzini, quest’ultimo autore di una doppietta.  




Ufficio Stampa FSGC