breaking news
  • 29/05/2022 11:32 Under 17 fase nazionale, girone 2: Five To Five-OR R.Emilia 1-1, Fenice-ACSS Mondolfo 5-0
  • 29/05/2022 09:10 Under 15, fase nazionale: primi turno dei gironi 1, 3 e 4, e seconda giornata del girone 2
  • 29/05/2022 09:09 Under 17, fase nazionale: primi turno dei gironi 1, 3 e 4. Il girone 2 in campo ieri
  • 29/05/2022 09:08 Under 21 Nazionale, playoff: si giocano oggi le gare di andata dei quarti di finale
  • 28/05/2022 17:10 Serie C1 Umbria: la finale playoff termina 3-3 (dts). Gadtch 2000 agli spareggi nazionali

12/05/2022 21:02

San Marino, è tutto pronto per la finale della Titano Cup: Tre Fiori e Folgore a caccia del trofeo

Tre Fiori contro Folgore per la Titano Futsal Cup 2022, che torna ad essere assegnata dopo due annate di assenza. A contendersi la coppa saranno due squadre che in passato l’hanno già alzata al cielo. La Folgore la vinse nella stagione 2012-13. Da allora sono passati anni e molte cose sono cambiate. Oggi i Giallorossoneri sono guidati da Max Spada, titolatissimo ex Tre Fiori, e hanno in Danilo Busignani e Mattia Protti due uomini chiave. Anche loro vivranno la finale da ex: anzi, con i colori gialloblù addosso, assieme allo stesso Spada, contribuirono in maniera determinante, nella stagione 2016-17, all’ultimo trionfo del Tre Fiori in questa competizione, e più in generale ad un ciclo vincente lungo oltre due anni. Poi, nell’albo d’oro del torneo, si leggono i successi di Tre Penne e Fiorentino, prima dei due “buchi” del 2020 e 2021 dovuti alla pandemia. Il Tre Fiori arriva a questa gara dopo aver battuto in successione Virtus e Juvenes-Dogana, ed insegue la sua quarta Futsal Cup, traguardo che consentirebbe al club gialloblù di raggiungere il San Giovanni come squadra più titolata in questa specifica competizione. La Folgore ha esordito ai play-off direttamente in semifinale, avendo chiuso la regular season come capolista del Girone A.


Busignani e compagni hanno superato il Domagnano in rimonta, trovando il punto della sicurezza solo nei minuti conclusivi. In una stagione all’insegna di una perfezione quasi assoluta (i Giallorossoneri hanno vinto tutte le gare stagionali eccetto due: una pareggiata e una persa) non è difficile immaginare che l’obiettivo finale possa essere solo ed esclusivamente il doblete. Anche se Spada, intervenuto al desk della conferenza stampa della vigilia, preferisce usare parole di prudenza.


“Come tutte le finali, sarà una gara molto tattica. Entrambe le squadre vorranno portare a casa il titolo e per questo sarà fondamentale non sbagliare l’approccio. Credo che ne uscirà una sfida molto bella. I miei titoli al Tre Fiori? Vinti grazie al gruppo. Ci vuole sempre un collettivo forte per arrivare ai risultati. Oggi sono alla Folgore e mi auguro che quest’anno inizi per noi un ciclo vincente.”


Sul fatto che sarà una gara tattica concorda anche l’altro mister, Alex Bugli, alla prima esperienza come tecnico e subito capace di portare il suo Tre Fiori in fondo ad una competizione.


“I valori in campo sono alti da ambo le parti e per questo mi aspetto una bella partita tirata. Loro hanno qualità individuali importantissime; noi però siamo, secondo me, più squadra, più collettivo. L’albo d’oro? Ho partecipato anche io a qualche vittoria di quel San Giovanni e ricordo un gruppo tosto. Raggiungere quel traguardo vorrebbe dire alzare l’asticella di questo Tre Fiori. Sarebbe un onore e una gioia incredibile, per me, ottenere un risultato simile alla mia primissima esperienza da tecnico.”


La parola passa poi ai capitani, iniziando da quello della Folgore, Giacomo Mainardi: “La finale è sempre una finale. Abbiamo fatto un grande percorso in stagione, ma domani si azzera tutto. Mi aspetto una partita complicata, contro un avversario forte. Abbiamo alcune assenze importanti, ma siamo arrivati fin qui e vogliamo giocarcela fino all’ultimo. Nel gruppo si respira entusiasmo. Abbiamo un bel mix fra giocatori esperti e giovani: abbiamo trovato la giusta chimica e non ci mancheranno le motivazioni per fare bene.” Luca Zafferani, che vanta varie esperienze in Nazionale ma è alla sua prima finale per un titolo, fa eco ai due tecnici immaginando il tipo di gara che domani attenderà il suo Tre Fiori e la Folgore: “Credo anche io che sarà una partita tattica, che verrà decisa da episodi. Loro sono forti nell’uno contro uno e dovremo stare attentissimi. Abbiamo lavorato molto per arrivare fino a qua. Siamo concentrati sull’obiettivo e vogliamo portarlo a casa.”


Un solo squalificato su ambo i fronti: il giallorossonero Matteo Chezzi, espulso nella semifinale con il Domagnano per doppio giallo. Si gioca come da tradizione a Fiorentino, con fischio d’inizio fissato alle 21.


Ufficio Stampa FSGC


Foto: FSGC