breaking news

10/02/2021 18:00

Tutta l'emozione di Biagianti all'esordio con la Meta: "Felice, per me un traguardo importante"

Il giorno che tanti tifosi rossoazzurri attendevano si è materializzato ieri al PalaNitta di Catania, quando un "ragazzotto" dal nome Marco Biagianti ha fatto il suo esordio ufficiale con la maglia della Meta Catania. Sono state settimane di lavoro e di sacrificio per lui, perché dopo anni trascorsi sul prato verde, abituarsi al parquet ed ai ritmi del futsal, per sua stessa ammissione, non è stato affatto semplice. Quello che colpisce però ascoltando le parole di Marco Biagianti e la grande umilità e la capacità di sapersi mettere in discussione, nonostante parliamo di un giocatore che, nel mondo del calcio, si è tolto tante soddisfazioni. 

E quei minuti che gli ha concesso ieri Salvo Samperi nella partita contro la CDM sono stati per lui un traguardo, l'ennesimo della sua carriera, ma solo un nuovo punto di partenza, come ha raccontato nel post-gara ai microfoni del club.

"E' stata una bella emozione - racconta - non nascondo che quando il mister mi ha chiamato ho provato quelle sensazioni di quando mi chiamarono a Lecce. Sono veramente contento, finalmente, di aver fatto qualche minuto in questo grandissimo gruppo. Devo ringraziare tutti i ragazzi e lo staff per essere arrivato a quello che considero un traguardo importante". 

Quella contro la CDM è stata anche l'ottava vittoria consecutiva in casa per la Meta.

"Siamo un gruppo tosto - ha detto Biagianti - lo stiamo dimostrando e sappiamo di poter fare ancora di più. In casa andiamo bene, ora dobbiamo trovare continuità anche fuori. Il mio rapporto con il mister? Mi stimola molto, mi alleno di più rispetto ai miei compagni, ci sono tantissime difficoltà,  perché un cambio del genere te ne da anche a livello fisico, ma lo sapevo. Però continuiamo a lottare, dedico questo traguardo a mia moglie Martina, e a mia madre, che mi sono sempre accanto. Anche se per pochi minuti non avrei mai detto di raggiungere questo obiettivo. Nonostante le difficoltà voglio essere vicino alla squadra". 


CLICCA QUI PER IL VIDEO DELL'INTERVISTA