breaking news New

14/01/2021 20:00

Un Giorgione efficace a metà a Udine. Marani rilancia: "Dobbiamo guardare avanti ed essere operai"

Il direttore generale della Futsal Giorgione, Valter Gallina, è parzialmente soddisfatto: plaude la prestazione della squadra di Marani, ma non manda giù quel 5-2 forse troppo benevolo nei confronti dell’Udine City. Gallina commenta così la partita.

”Abbiamo disputato un bel primo tempo durante il quale i ragazzi hanno dimostrato di saper giocare a futsal. Siamo andati in vantaggio per primi, poi due ingenuità hanno permesso l'uno-due agli avversari che si sono portati avanti, ma fin lì la gara era apertissima. Abbiamo creato molto sfiorando più volte il pari. Poi ci ha tagliato le gambe il 3-1 a sei secondi dalla fine del tempo. Nel secondo abbiamo provato a recuperare il risultato facendo il nostro gioco, ma in campo ci sono anche gli avversari… che tra l'altro erano piazzati molto bene in fase difensiva, e ci hanno fatto il quarto e quinto gol. La squadra è comunque rimasta unita evitando imbarcate sempre pericolose e anzi ha trovato la seconda rete con Cerantola”.

Mister Marani ha visto la gara sostanzialmente allo stesso modo.

“Direi molto bene il primo tempo dove la partita è stata decisamente equilibrata. Abbiamo creato molte situazioni di gioco e questo è molto importante. Due minuti di blackout sono costati i due gol degli padroni di casa, ma poi ci siamo rimessi in carreggiata fino alla amara… sorpresa a pochi secondi dalla fine del primo tempo. Una vera doccia fredda. Penalizzante è stata la perdita di Daniele Turiaco per infortunio. Nel secondo tempo è mancato alla squadra l'equilibrio tattico che aveva avuto nel primo - rivela Marani - abbiamo cercato di riprendere l’avversario che invece ha tenuto il campo in maniera molto ordinata. Abbiamo fatto girare i ragazzi perché, lo ricordo, siamo una squadra, facendo esordire un 2004, Manuel Delmestre a dimostrazione che il nostro è un lavoro in prospettiva. L'anno scorso abbiamo disputato un campionato straordinario con tanto di promozione e vinto la Coppa Italia regionale, ora siamo saltati al Nazionale. Il clima pandemico non ci ha finora favorito. Avevamo bisogno di continuità negli allenamenti, delle palestre e di tempo per impostare il lavoro - chiude Marani - dobbiamo guardare avanti ed essere operai”.