breaking news

17/06/2021 23:49

Una splendida idea di #futsalmercato stuzzica il Maccan: e se Alemão giocasse nei cadetti a Prata?

Che Simone Maccan avesse deciso di tentare, stavolta con successo, la scalata lo si era già capito nel momento in cui ha iniziato a formalizzare i primi arrivi. L’innesto di un motorino come Hamza Ouddach, l’arrivo di un giocatore come Davide Zecchinello che sintetizza quantità a qualità e la conferma, fondamentale per gli equilibri della squadra, di uno come Stendler, avevano perfettamente reso l’idea che il patron pratese quest’anno ha deciso di fare le cose per bene. Ma una squadra vincente ha bisogno di un leader, uno di quelli con la “elle” maiuscola. E allora… detto e fatto.

SULLE TRACCE DI ALEMAO - A uno Julio Cesar Simonato Cordeiro non si può dire niente. Corinthians, Wimpro, Banespa, São Paulo, O Parrulo Ferrol, Playas de Castellon, Dina Mosca… e poi Came Dosson, Napoli, Real Rieti, Latina e per concludere Atletico Nervesa. Può bastare per fare l’identikit di Alemão? Diremmo proprio di si. Due Champions in bacheca, un titolo di campione d’Europa con la Spagna nel 2012 in Croazia (ha il doppio passaporto). Tra una settimana Alemão spegnerà 45 candeline ma a Simone Maccan la carta d’identità interessa molto relativamente.

La stoffa del leader riveste questo campione del futsal, possibile nuovo faro di un Maccan proiettato verso le nobili sfere e verso quel salto di qualità che, con queste prerogative, non può essere mancato.