La Meta Catania scappa via: nella ripresa c'è il ritorno del Napoli, ma la vittoria resta etnea

Napoli-Meta Catania Bricocity ancora una volta lo specchio della bellezza e dell’essere mai scontato del futsal, qualsiasi punteggio si materializzi. Nonostante il copione da film giallo, il lavoro in casa Meta Catania Bricocity paga, portando frutti sperati. Una sterzata e un colpo di coda della formazione di Ramiro al Pala Cercola contro un Napoli costruito per vincere. I mille colori stavolta sopra il Vesuvio sono solo due e portano la cromia rossazzurra della vittoria ancor più bella perché sofferta.

Ramiro lanciava subito un dinamico quintetto con Tornatore tra i pali, Galan davanti all’estremo etneo, Musumeci e Campoy laterali con Vaporaki li davanti dinamico e senza punti di riferimento. La Meta Catania Bricocity partiva ben, con personalità e dinamismo: la sentenza dela partenza portava il nome di capitan Musumeci subito in gol dopo appena novanta secondi. Napoli reagiva e sfiorava il pareggio, stesso discorso ancora per Musumeci che impegnava seriamente Molitierno. Gara elettrica, con gli azzurri a colpire l’incrocio con Foglia e rossazzurri furbi e fortunati, invece al minuto otto, nello sfruttare l’errore in appoggio con Galan che depositava lo 0-2. Tornatore presente e reattivo tra i pali chiudeva sulla botta di Foglia. Fredda, cinica e spietata la formazione di Ramiro: ancora ispirato e killer il fiuto del gol di Musumeci che rubava palla e veniva steso per il più classico dei rigori. Capitano della Meta Catania Bricocity che non sbagliava e portava il punteggio sullo 0-3 con doppietta personale. Ubriacante e devastante la formazione di Ramiro, che premeva sull’acceleratore e ubriacava il quotato Napoli: il capitano si concedeva il tris personale e Kiki Vaporaki siglava la sua prima rete in Italia tutta a tinte rossazzurre per lo 0-5 spacca gambe a due dal termine del primo tempo.

Nella ripresa dall’assoluto controllo della Meta Catania Bricocity, che nei primi sei minuti non rischiava praticamente nulla e nell’unica occasione Tornatore era perfetto e decisivo, allo spettro rimonta. Quattro minuti di assoluto black-out etneo e partenopei, invece, che a dodici dalla fine tentavano il tutto per tutto con l’uomo in più. Napoli sfruttava in un minuto la superiorità tornando sotto con un uno-due grazie alle reti di Fernandinho e Foglia, 2-5. I rossazzurri subivano il colpo e Matamoros si incartava prendendo il secondo giallo e conseguente rosso. Con l’uomo in meno ecco ancora il gol di Napoli, ancora con Foglia per lo spettro rimonta, 3-5. Ramiro provava a scuotere la sua fase difensiva, che provava a tenere, ma continuava a soffrire il power play e subiva il meno uno a due minuti dalla fine con Fernandinho, 4-5. Centoventi secondi da brivido, assurdi, con Musumeci e compagni che serravano i ranghi, difendevano tutto e Tornatore si opponeva a cinquanta secondi dalla fine salvando la sua porta da un pareggio pazzesco. Nonostante la pressione i secondi erano rossazzurri per una vittoria sofferta ma tremendamente importante.

Vittoria pesante e che restituisce, nonostante la sofferenza, alla Meta Catania Bricocity le due beffe raccolte nelle ultime due gare. Classifica che risale, sei punti, seconda vittoria stagionale, segnale importante e successo di fiducia per la formazione di Ramiro. Tre punti che confermano lo stato di crescita costante del team etneo che, adesso, guarda il prossimo impegno, Sky match contro la Came Dosson, con immensa fiducia.

NAPOLI FUTSAL-META CATANIA BRICOCITY 4-5 (0-5 p.t.)

NAPOLI FUTSAL: Molitierno, F. Perugino, Bruno Coelho, Crema, Fernandinho, Grasso, Hozjan, Arillo, De Simone, Alex, Amirante, A. Perugino, Foglia, Capiretti. All. Basile

META CATANIA BRICOCITY: Tornatore, Campoy, Vaporaki, Galan, Musumeci, Messina, Silvestri, Tusar, Licandri, Matamoros, Marletta, Cruz, Taliercio, Dovara. All. Ramiro

ARBITRI: Simone Micciulla (Roma 2), Chiara Perona (Biella) CRONO: Alessandra Carradori (Roma 1)

MARCATORI: pt 1’30” Musumeci (M), 8′ Galan (M), 13′ rig. Musumeci (M), 15’30” Musumeci (M), 16′ Vaporaki (M), st 7’15” Fernandinho (N), 7’25” Foglia (N), 10′ Foglia (N), 17’40” Fernandinho (N)

NOTE: ammoniti Campoy (M), Vaporaki (M), Matamoros (M), Grasso (N), Foglia (N). Espulso al 9′ del s.t. Matamoros (M) per somma di ammonizioni


Ufficio Stampa Meta Catania Bricocity