breaking news

07/09/2021 11:30

Il Città di Massa sullo sfondo, ma prima il derby del cuore: così Lucho Gonzalez sfida l'Argentina

Mancano cinque giorni ai Mondiali di Lituania. Un tempo sufficiente a limare gli ultimi dettagli ed iniziare, dal punto di vista mentale, ad entrare nel giusto "mood".  Una missione difficile, si sa, quando si affronta forse la competizione più importante di una carriera intera, ancor di più se il tuo cuore è praticamente diviso a metà. E' la situazione di Lucho Gonzalez, argentino con passaporto americano e nuovo acquisto del Città di Massa. Lui ha scelto di giocare per gli Stati Uniti, ma il destino a volte disegna percorsi strani, intreccia sceneggiature in stile Quentin Tarantino. Si, perché Lucho Gonzalez giocherà la partita di esordio ai mondiali proprio contro l'Argentina. 

"Sono nato negli Stati Uniti, ma sono cresciuto in Argentina, i miei genitori sono argentini, così come la mia famiglia. Si, sarà una partita speciale - racconta Gonzalez - perché giocherò contro tanti ragazzi che conosco, contro un Paese dove sono cresciuto e dove ho abitato per più di ventitre anni. Sarà una partita emozionante, ma in questo momento cercherò di essere più professionale possibile, di difendere i colori della nazionale americana perché loro mi hanno dato la possibilità di mettermi in mostra a livello internazionale. Sono molto contento e ansioso di cominciare questa avventura". 

La nazionale statunitense intanto sta completando le ultime ore di ritiro. 

"Ci troviamo in Slovacchia per prepararci al meglio. Giocheremo la partita d'esordio contro l'Argentina, prima avremo un paio di amichevoli per metterci alla prova e arrivare pronti al 14 settembre, quando avremo la prima partita. Le sensazioni sono positive, ci siamo guadagnati un posto nel mondiale, tutta la squadra è felice e motivata, e lo sono anche io. Siamo convinti di potercela giocare contro chiunque". 

Oltre a Stati Uniti ed Argentina Lucho Gonzalez e compagni se la dovranno vedere anche contro l'Iran, una delle squadre più forti al mondo, e la temibilissima Serbia. 

"Sappiamo di affrontare un girone molto molto difficile, con squadre del massimo livello. Ci sono i campioni del mondo in carica, l'Iran che nell'ultimo mondiale ha chiuso terzo, sono una squadra molto forte. Poi c'è la Serbia che tutti conosciamo: sono una squadra molto forte fisicamente e tatticamente, con giocatori che si esprimono al massimo livello in Europa. Sarà dura, noi siamo arrivati ad una competizione del genere dopo 13 anni, quindi siamo molto contenti, con grandi aspettative. Il nostro obiettivo è competere al massimo e cercare di giocare delle buone gare, senza smettere mai di sognare". 

Priorità massima ai mondiali, poi però Lucho Gonzalez è pronto a proiettarsi verso l'esperienza con il Città di Massa. 

"Sono molto contento di essere arrivato al Città di Massa, una società molto seria reduce da un campionato molto molto buono. Quest'anno la società vuole migliorarsi, quindi ho grande entusiasmo e voglia di cominciare. So che prima ci sono i mondiali, e me li voglio godere al massimo, ma so anche che quello che mi aspetta dopo è bellissimo. Sarà un campionato lungo ed impegnativo, tutte le squadre si sono rinforzate, anche noi abbiamo una grande squadra, giovane, proiettata al futuro: sono sicuro sarà un bellissimo campionato". 



m.esp.